Cronaca

Operazione “Evelin”, sequestrato patrimonio per un valore di 1,2 milioni di euro VIDEO

Chieti. La scorsa mattina, nelle province di Chieti, Campobasso e Foggia, Finanzieri e Carabinieri dei rispettivi Comandi Provinciali di Chieti hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di L’Aquila, Dott. Giuseppe Romano GARGARELLA, su richiesta del Sostituto Procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo abruzzese – Dott. Stefano GALLO – nei confronti dei componenti il sodalizio criminale operante su San Salvo e sull’area del Vastese.
L’operazione di servizio odierna costituisce il secondo atto dell’Operazione “Evelin” che lo scorso novembre aveva permesso di disarticolare, al termine di complesse attività investigative durate circa un anno e mezzo, un’agguerrita organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e alla commissione di atti intimidatori – anche attraverso l’uso di armi – per garantirsi l’egemonia sul territorio e sulle principali piazze di spaccio.
Il provvedimento ha interessato il sequestro di 4 immobili, quote di 5 società, 1 attività commerciale (il “BAR EVELIN”) a San Salvo e 19 autovetture per un valore complessivo pari ad 1,2 milione di euro, di cui un valore equivalente al profitto illecito stimato in almeno seicento mila euro.
L’aggressione dei patrimoni illeciti consente di colpire le organizzazioni criminali nel cuore dei propri interessi economici, patrimoniali e imprenditoriali e di restituire alla collettività i beni accumulati per finalità sociali.
La misura odierna testimonia la volontà della Magistratura e delle Forze di Polizia di voler sradicare completamente il sodalizio criminale dal territorio privandolo delle fonti di finanziamento e dei proventi illecitamente acquisiti.
L’obiettivo finale è il ripristino di adeguati livelli di legalità e sicurezza pubblica sul Vastese, come in tutta la Provincia di Chieti.
“L’entità del sequestro di questa operazione, eseguita dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, testimonia come fosse radicata l’organizzazione criminale che operava in questa zona. Aggredire i patrimoni, provento di attività illecite, contribuisce sicuramente a depotenziare la forza penetrativa dei delinquenti”. Lo ha dichiarato il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca nell’apprendere la notizia dell’operazione congiunta dei comandi provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza con sequestro preventivo dei beni per un valore di 1,2 milioni di euro su disposizione del Gip del Tribunale de L’Aquila.
“Mi auguro – ha proseguito il sindaco – che al più presto i patrimoni sequestrati vengano restituiti alla collettività per finalità sociali. Continuo a ribadire come sia necessario dotare le Forze dell’ordine di più personale e mezzi per continuare a garantire legalità e sicurezza a San Salvo e nel territorio del Vastese. Ringrazio i comandanti provinciali dei Carabinieri e Guardia di Finanza, colonnelli Florimondo Forleo e Serafino Fiore, per l’impegno e la presenza costante che stanno dedicando nel presidiare questo territorio”.
“Esprimiamo compiacimento, soddisfazione e riconoscenza nei confronti di tutte le forze dell’ordine e della magistratura, per ciò che è stato fatto in relazione all’operazione “Evelin”.
Il duro colpo inflitto attraverso la confisca di beni realizzati e utilizzati per attività malavitose è il risultato di un lavoro attento, puntuale e professionale, del quale siamo orgogliosi, e al quale rendiamo merito, di quanti sono deputati a fare rispettare la legge e le regole della civile convivenza all’interno del nostro Paese.
Quando si ottengono questi risultati tutta la comunità si sente più sicura e più protetta. In tutti aumenta l’autostima e la consapevolezza che le Istituzioni ci sono e svolgono egregiamente i loro compiti.
Al PD di San Salvo ricordiamo che già da decenni la malavita aveva estero i suoi tentacoli in questo territorio: la sua presenza non è spuntata per caso, trovando facile presa anche rispetto a chi aveva sottovalutato il problema. Le forze dell’ordine e la magistratura hanno ora dato più vigore alla loro azione investigativa e i frutti sono visibili.
Condividiamo la necessità di condurre unitariamente e con fermezza la linea del rifiuto contro ogni forma di organizzazione malavitosa, tesa a condizionare la libertà e lo sviluppo economico e sociale di San Salvo.
Siamo impegnati, come maggioranza del nostro Comune, a prendere tutte le iniziative finalizzate a prevenire e combattere con ogni mezzo, di tipo culturale e sociale, oltre che con la costante collaborazione con le forze dell’ordine, tutto ciò che mette a rischio la qualità della vita e il benessere democratico della nostra collettività”. Si legge così in una nota dei gruppi consiliari Salvo Città Nuova – Lista Popolare – Per San Salvo.

Related posts

Postazioni per far osservare i cantieri ai pensionati, a Pescara arrivano le finestre dedicate agli ‘Umarell’

redazione

Chieti, in via di smantellamento l’impianto IP di via Silvino Oliveri

redazione

Manifestazione dei Professionisti delle Scienze Motorie

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy