Politica

Il Popolo della Famiglia e Noi per la Famiglia: Manifesto per le Regionali d’Abruzzo

Pescara. L’associazione “Noi per la Famiglia” regione Abruzzo, insieme al movimento politico “Il Popolo della Famiglia” di Pescara, ha seguito le recenti dichiarazioni inerenti alle prossime elezioni regionali abruzzesi espresse dai nostri cari Pastori e precisamente da parte di Mons. Bruno Forte e di riporto da Mons. Tommaso Valentinetti
“Noi siamo con i nostri Pastori -dichiarano unitamente Francesca Marzoli (Referente regionale per Il Popolo della Famiglia) e Carola Profeta (Presidente di Noi per la Famiglia) – sono fari preziosi in questi tempi difficili. Siamo cattolici e nel perseguire il bene comune e la buona battaglia crediamo che la politica sia innanzitutto servizio per il prossimo, soprattutto per gli ultimi, i deboli, gli indifesi e tutti coloro che non hanno possibilità di far valere i propri diritti”.
“E sulla bilancia dei diritti – proseguono- abbiamo il “dovere” di contrapporre ogni aspetto che sia identificato come il “male assoluto”. Riteniamo, infatti, che il tema dell’accoglienza vada affrontato in maniera equilibrata, da una prospettiva di realismo e di verità; a tal proposito riportiamo l’art. 2241 de La Dottrina della Chiesa Cattolica, ripresa anche da Mons. Forte:
“Le nazioni più RICCHE sono tenute ad accogliere, nella misura del possibile, lo STRANIERO alla ricerca della sicurezza e delle risorse necessarie alla vita, che non gli è possibile trovare nel proprio paese di origine. I pubblici poteri avranno cura che venga rispettato il diritto naturale, che pone l’ospite sotto la protezione di coloro che lo accolgono. Le autorità politiche, in vista del bene comune, di cui sono responsabili, possono subordinare l’esercizio del diritto di immigrazione a diverse condizioni giuridiche, in particolare al rispetto dei doveri dei migranti nei confronti del paese che li accoglie. L’immigrato è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri”.
Al riguardo si pronuncia anche il Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa (pubblicato nel 2005) al n. 298:
“i flussi migratori devono essere regolati «secondo criteri di equità ed equilibrio» in modo che «gli inserimenti avvengano con le garanzie richieste dalla dignità della persona umana», al fine di favorire l’integrazione dell’immigrato «nella vita sociale» del Paese che lo accoglie, nell’orizzonte del bene comune. Si tratta infatti di «coniugare l’accoglienza che si deve a tutti gli esseri umani, specie se indigenti, con la valutazione delle condizioni indispensabili per una vita dignitosa e pacifica per gli abitanti originari e per quelli sopraggiunti» (Giovanni Paolo II, 2001)”
Per riprendere le ultime parole sul tema Immigrazione, Papa Francesco ha parlato di “prudenza del governante ed accoglienza sostenibile” e aggiunge sul volo di ritorno da Panama “un modo di risolvere il problema delle migrazioni è aiutare i Paesi da dove vengono”. Ricordando anche un passaggio del messaggio di Benedetto XVI per la giornata mondiale del migrante e del rifugiato del 2013:
“Certo, ogni Stato ha il diritto di regolare i flussi migratori e di attuare politiche dettate dalle esigenze generali del bene comune, ma sempre assicurando il rispetto della dignità di ogni persona umana. Il diritto della persona ad emigrare – come ricorda la Costituzione conciliare Gaudium et spes al n. 65 – è iscritto tra i diritti umani fondamentali, con facoltà per ciascuno di stabilirsi dove crede più opportuno per una migliore realizzazione delle sue capacità e aspirazioni e dei suoi progetti. Nel contesto socio-politico attuale, però, prima ancora che il diritto a emigrare, va riaffermato il diritto a non emigrare, cioè a essere in condizione di rimanere nella propria terra, ripetendo con il Beato (ora Santo) Giovanni Paolo II che “diritto primario dell’uomo è di vivere nella propria patria: diritto che però diventa effettivo solo se si tengono costantemente sotto controllo i fattori che spingono all’emigrazione”, (Discorso al IV Congresso mondiale delle Migrazioni, 1998)”. (articolo di Francesco Boezi su “IL Giornale”)
Chiarita la posizione della Chiesa sul tema dell’immigrazione, riteniamo di dover manifestare la nostra confusione riguardo a quelle che dovrebbero essere le priorità della politica riportate nel “manifesto” di Mons. Forte avvallato da Mons. Valentinetti: l’impegno per i poveri, il lavoro dei giovani, la sanità, l’ambiente, il problema dei rifiuti, la gestione delle acque e l’incentivazione delle fonti rinnovabili. Non una SOLA PAROLA SULLA FAMIGLIA, SULLA DENATALITA’, SULL’ABORTO (2014 aborti in Abruzzo nel 2017 come riporta l’articolo di Riccardo Cascioli direttore del “La Nuova Bussola Quotidiana”) sull’ EUTANASIA, sull’indottrinamento GENDER, sempre più diffuso anche nelle nostre scuole, sulle aperture, sempre più capillari, nelle nostre città, di CANNABIS SHOP in luoghi vicini a scuole e punti di ritrovo di giovani.
Papa Francesco è stato molto chiaro sul tema dell’aborto, dichiarando che “abortire è come affittare un sicario per risolvere un problema”.
E quindi, sulla bilancia dei diritti – continuano le referenti Marzoli e Profeta- è meno importante parlare di aborto, testamento biologico dove il diritto del più debole (pensiamo al bambino e all’ammalato) è totalmente ignorato piuttosto che alle Unioni civili?
“Si possono contrapporre sulla bilancia le tipologie di vita umana e stabilire quale ha più diritto rispetto ad un’altra”?
Se il centrodestra porta avanti, con forza, una politica dell’accoglienza orientata alla ripartizione equa degli immigrati nei paesi Europei, la difesa della famiglia naturale fondata sul matrimonio sancita dall’art 29 della Costituzione, il diritto del bambino ad avere una mamma e un papà, la tutela della priorità della libertà educativa dei genitori sancita dal comma 3 dell’art 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la difesa della vita dal suo concepimento fino alla sua morte naturale, il divieto assoluto della liberalizzazione delle droghe leggere,
il centrosinistra porta avanti diritti che, di fatto, sono contro la vita, preferisce difendere quei “sicari” e, avvallare tali diritti, significa volere l’estinzione di un popolo: 6 milioni di bambini in meno, dall’approvazione della legge sull’aborto ad oggi, un’intera generazione. Guai a parlare, per esempio, di attuazione del primo articolo della legge 194 sull’aborto:
“Lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio. L’interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite. Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell’ambito delle proprie funzioni e competenze, promuovono e sviluppano i servizi socio-sanitari, nonché altre iniziative necessarie per evitare che l’aborto sia usato ai fini della limitazione delle nascite.” Ci sono stati deputati, consiglieri comunali e regionali della sinistra che hanno fatto le barricate contro chi voleva attuare in pieno questo articolo e promuovere maggiormente la tutela della donna e del nascituro.

Abbiamo riflettuto moltissimo prima di scrivere questo comunicato, perché amiamo la Chiesa, nella misura della nostra esperienza di fede, che viviamo, non come un fatto religioso all’interno della messa domenicale, del Natale o della Pasqua, ma come un’esperienza di vita quotidiana. A noi sono molto cari i “valori NON NEGOZIABILI” che soprattutto Benedetto XVI difende e loda i cattolici impegnati in politica che li difendono. Ci rendiamo conto e, non con poca difficoltà, che per qualcuno evidentemente tali valori sono, invece, negoziabili. Poiché amare significa dire la verità nell’umiltà e nell’apertura al confronto, noi oggi non ci lesiniamo dal manifestare il nostro disorientamento rispetto alle dichiarazioni dei due Vescovi abruzzesi.
Davvero le liste “Solidari e Popolari” Centristi per l’Europa e PD, che appoggiano il candidato Presidente Legnini, rispecchiano la scelta politica della Chiesa locale?
Davvero, per essere votati oggi, basta fare battaglie sui diritti di moda trascurando i principi non negoziabili?

Related posts

Bussi, via libera alla bonifica: la Provincia di Pescara vince su Edison

redazione

Torna il Rosarubra Wine Festival

admin

San Salvo, licenziamenti Sam. Magnacca: “Evitare a ogni costo la perdita di posti di lavoro e di professionalità”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy