Cronaca

Rifiuti, partecipato sit-in contro le due megadiscariche nel vastese VIDEO

Cupello. Stamattina a Cupello davanti al Consorzio CIVETA si è svolto un partecipato sit-in per dire due chiari NO alla realizzazione di altrettante discariche, una da 480.750 mc a Cupello per rifiuti solidi urbani e l’altra a Furci da 150.000 mc per rifiuti speciali non pericolosi. Tanti i cittadini presenti con una folta rappresentanza di agricoltori arrivati con diversi trattori.

L’iniziativa è stata organizzata dal Comitato Difesa del Territorio Vastese. Durante il sit-in hanno preso la parola i rappresentanti del Forum H2O che stanno seguendo la vicenda anche dal punto di vista dell’iter di valutazione e il sindaco di Furci che ha partecipato all’iniziativa assieme ad altri amministratori dei comuni del circondario, Dogliola, Lentella, San Buono, Fraine, Monteodorisio, Scerni, Tufillo e Vasto. Assenti invece esponenti politici di Cupello.

Si tratta di interventi di privati: Cupello Ambiente Srl per la quarta discarica a Cupello e Vallecena Srl per quella di Furci. A nostro avviso si evidenzia così il paradosso che questa quarta discarica a Cupello una volta realizzata svuoterebbe di significato il consorzio pubblico del Civeta, che ha già dato a questo stesso privato che ora propone la propria discarica la gestione della terza vasca di proprietà del Consorzio. Una terza vasca che si sta riempiendo molto velocemente e prima del previsto perché, non si sa bene in base a quali autorizzazioni, sono stati importati anche rifiuti da altre regioni italiane, secondo quanto riportato dalla stampa.

Uno si aspetterebbe una difesa a spada tratta del consorzio pubblico da parte degli amministratori del consorzio stesso e dei comuni proprietari. A parte qualche lodevole eccezione, si registra un incomprensibile silenzio.

I partecipanti hanno potuto “sentire con il naso” le criticità derivanti dall’impianto, come il cattivo odore che costringe tanti abitanti del circondario a tenere chiuse le finestre anche d’estate. A pochi metri scorre il torrente Cena, classificato nel peggiore stato di qualità delle acque (stato “pessimo”) dall’ARTA. Uno dei corsi d’acqua abruzzesi con maggiori problemi, segno che questo territorio è già sottoposto a pressioni insostenibili.

Durante il sit-in si è fatto il punto sullo stato dell’iter autorizzativo dei due impianti. Quello di Furci è in uno stadio più avanzato, avendo superato la procedura di VIA ed essendo stata convocata da parte della Regione la conferenza dei servizi per martedì 19 marzo a Pescara. Il comune di Furci metterà a disposizione un pullman per i cittadini per permettere una partecipazione ampia della comunità. Per quanto riguarda la discarica di Cupello, invece, il progetto è ancora al Comitato VIA della Regione che ha chiesto approfondimenti.

Questo sit-in è solo una delle tante iniziative in corso, tra cui una raccolta di firme che è arrivata a circa 2000 adesioni, segno che l’attenzione dei cittadini è forte nei confronti di questi due progetti.

Related posts

Fondazione Paolo VI: Valentinetti scrive alle famiglie “Vi siamo vicini con intelligenza e amore”

redazione

Polizia di Stato: operazione “Rail safe day”

redazione

Imprenditori abruzzesi del settore marittimo incassano contributi comunitari ed evadono l’IRAP

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy