Cultura e eventi

Calcio Femminile: neroverdi tutto cuore, ma a vincere è il Mozzanica

Mozzanica. A Mozzanica non è bastato alla Chieti Calcio Femminile il grande cuore messo in campo per tutti i novanta minuti: la squadra di casa conquista la vittoria battendo le neroverdi per 3-0.
Giacinti e compagne hanno costruito tantissime occasioni da rete, ma una super Vicenzi ha negato loro la gioia del gol più volte: l’estremo difensore neroverde è stata la migliore delle sue parando anche un rigore nella ripresa e rendendosi protagonista di prodigiosi interventi.
Le ragazze di Mister Lello Di Camillo hanno giocato una buona partita col solito grande carattere, soprattutto nella ripresa, ma qualche errore di troppo ha determinato il 3-0 finale.
La cronaca del match si apre al 10’con Stivaletta che si accentra bene e tira dal limite dell’area, ma la sua conclusione finisce alta.
Due minuti dopo si fa vedere per la prima volta in attacco il Mozzanica: lancio filtrante di Giacinti per Pellegrinelli, Vicenzi para in due tempi.
Al 19′ è ancora pericoloso il Mozzanica con Giacinti che lambisce il palo con una rasoiata da fuori.
Giacinti è di nuovo protagonista sull’assist di Pirone, ma tira su Vicenzi in uscita.
Straccia coglie una clamorosa traversa con un gran destro da centro area.
Il Mozzanica raccoglie i frutti della sua pressione al 24′ con un bolide del capitano Locatelli sul quale Vicenzi tocca la sfera ma non può evitare il gol.
Alla mezzora dialogano bene Giacinti e Pellegrinelli, ma quest’ultima a due passi da Vicenzi manda incredibilmente a lato.
Al 38′ Di Camillo Giada sbaglia il passaggio arretrato, ne approfitta Giacinti che si ritrova sola davanti a Vicenzi, ma manca clamorosamente il raddoppio.
Al 39′ Di Camillo Giulia prova a sorprendere Gritti da calcio di punizione, ma il suo tentativo va alto.
Al 42′ è di nuovo “Vicenzi – Show”: Scarpellini spara a rete da ottima posizione sul tocco di Pirone, ma il portiere neroverde dimostra di nuovo di essere in giornata di grazia e sventa il pericolo.
Nel primo minuto di recupero Vicenzi chiude su Pironi, la palla finisce sui piedi di Giacinti che prova il pallonetto, la sfera viaggia verso la porta lentamente, ma poi finisce a lato.
Si va al riposo sull’1-0 per le padrone di casa.
Al 6′ della ripresa Vicenzi si oppone sulla gran botta di Scarpellini.
Al 9′ sugli sviluppi di un angolo, una spettacolare rovesciata di Pirone strappa gli applausi del pubblico con il pallone che va fuori di un soffio.
Le neroverdi macinano gioco e vanno al tiro con Innerhuber al 13′, conclusione troppo centrale e palla direttamente fra le braccia di Gritti.
Al 16′ ennesimo intervento miracoloso di Vicenzi, bravissima ad opporsi al tiro di prima intenzione di Giacinti, palla in angolo.
Mister Di Camillo prova a cambiare e manda in campo prima Di Marco per Nozzi e poi Benedetti per Carrozzi.
Al 28′ contropiede di Giacinti che spara alto: la porta neroverde sembra veramente stregata per la giocatrice biancoceleste.
Dopo un altro cambio per le teatine (dentro Mariani per Stivaletta), al 33′ arriva il raddoppio del Mozzanica proprio con Giacinti brava ad incrociare sull’appoggio di Pirone.
Al 36′ l’episodio del rigore: un’imprendibile Giacinti si invola verso la porta e viene messa giù in piena area da Vicenzi. Sul dischetto va la stessa Giacinti che si lascia ipnotizzare da Vicenzi, ancora una volta bravissima nel compiere l’ennesimo miracolo della partita.
Al 39′ è di nuovo duello fra Giacinti e Vicenzi, ma quest’ultima è veramente strepitosa nel chiudere sul primo palo.
Nel secondo minuto di recupero il Mozzanica trova il tris: a seguito di un fallo subito da Pirone, Stracchi batte subito la punizione servendo proprio Pirone che segna il gol che chiude l’incontro.
Per le neroverdi sarà ora fondamentale fare punti nelle prossime altre due partite da recuperare, in trasferta a San Zaccaria e poi in casa con la Jesina.

MISTER LELLO DI CAMILLO: “Non abbiamo nulla da obiettare sulla vittoria del Mozzanica che è stata abbastanza chiara sotto l’aspetto dei gol e del risultato. La mia squadra ha fatto ciò che poteva, non ha avuto grosse occasioni da rete, ma è stata in partita fino alla fine tenendo presente le precarie condizioni fisiche di alcune giocatrici. Alle ragazze ho detto che sono state brave perché hanno lottato per tutti i novanta minuti. La Federazione ogni tanto ci fa qualche “regalino” spostando le partite a campionato in corso, ci si è messo anche il maltempo che non ci ha permesso di allenarci come avremmo voluto. Complimenti al Mozzanica dunque, ma rimane il rammarico. Abbiamo lottato per quelli che sono i nostri mezzi, sono convinto che la squadra si giocherà la salvezza fino alla fine, non ci mettiamo pressione addosso, rimaniamo tranquilli, ritroveremo la condizione fisica pian piano. Ora dovremo sobbarcarci sette partite in trentaquattro giorni, abbiamo fatto in pratica nei primi sei mesi tre preparazioni: se ci salveremo la soddisfazione sarà doppia soprattutto per le ragazze. C’è stata una gestione arbitrale non totalmente positiva in questa partita: si poteva evitare il cartellino del portiere, sul rigore sbagliato dal Mozzanica c’era un fuorigioco clamoroso non fischiato. Ovviamente non voglio togliere nulla alla vittoria delle nostre avversarie che se avessero segnato due gol in più non avrebbero rubato nulla.
Siamo stati poco cinici in mezzo al campo subendo le loro ripartenze. La maggior parte delle loro azioni da gol sono scaturite da nostri errori di gestione palla a centrocampo che hanno dato il via a contropiedi letali”.

EVELYN VICCHIARELLO: “È stata una partita difficile, ma lo sapevamo, ce la siamo giocata fino all’1-0 anche se avevamo rischiato molto nel primo tempo, poi il 2-0 ha chiuso i conti.
Fra noi ci sono giocatrici di esperienza che hanno giocato anche in altre squadre che lottavano per lo scudetto, sicuramente il Chieti deve giocarsela sempre ed uscire a testa alta: peccato perché potevamo fare meglio in questa partita. Ora ci aspettano due scontri importanti: sono queste le partite per noi abbordabili nelle quali bisogna fare più punti possibili. Abbiamo creato tanto contro il Mozzanica, ma, come ogni volta, non siamo state ciniche: soprattutto contro le squadre forti le occasioni vanno concretizzate”.

 

TABELLINO DELLA GARA:
Mozzanica: Gritti; Motta, Rizzon, Locatelli, Ledri, Stracchi, Fusar Poli, Scarpellini, Pellegrinelli (34’ st Baldi), Pirone, Giacinti (41′ st Tonani). All. Elio Garavaglia. A Disp.: Capelletti, Pernigoni, Rizza, Tassi, Edoci.
Chieti: Vicenzi, Di Camillo Giada, Di Bari, Tona, Carrozzi (23′ st Benedetti), Innerhuber, Di Camillo Giulia, Vicchiarello, Marinelli, Nozzi (18′ st Di Marco), Stivaletta (31’ st Mariani).
All. Lello Di Camillo. A disp.: Falcocchia, Colasante, Riboldi, Copia.
Arbitro: Andrea Bordin di Bassano del Grappa
Assistenti: Morini e Rubini di Como.
Marcatrici: 24′ pt Locatelli, 33′ st Giacinti, 47′ st Pirone
Ammonite: Di Camillo Giada, Stivaletta, Nozzi e Vicenzi (Ch)

Related posts

Assegnati alla Protezione Civile di L’Aquila 27mila litri di carburante sequestrati dalla Guardia di Finanza

admin

M5S Pescara e Giulianova aprono la guerra alla sanatoria regionale delle cantine

admin

Rapino (PD): “Investire sulla cultura? L’unica strategia possibile e vincente”

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy