Cultura e eventi

Ciafardini su elezioni provinciali Pescara: “Il Pd in piena salute nel campo del centrosinistra”

Pescara. “I cittadini in questi giorni leggono articoli di giornale sulle elezioni provinciali e si sentono giustamente spiazzati da tutto questo commentare, chi ha vinto e chi ha perso, e leggono di consiglieri provinciali eletti e “attribuiti” a questo o a quell’altro esponente politico come fossero pedine del grande Risiko della Politica. Pratica disdicevole che sminuisce l’autonomia e la credibilità dei nostri amministratori eletti dalle loro comunità”.

Così in una nota Francesca Ciafardini, segretario provinciale del Pd Pescara, che aggiunge: “Voglio perciò esprimere solidarietà ai cittadini certamente più preoccupati delle loro esigenze quotidiane (lavoro e salute in primis) che degli equilibri della classe dirigente politica. Fatta questa premessa voglio ricordare che il PD è sempre stato favorevole all’abolizione delle Province, contenuta nella Riforma costituzionale voluta dal PD e bocciata dai cittadini lo scorso 4 dicembre, e che gli Enti Provinciali ad oggi restano un ibrido, organi di secondo livello per i quali i cittadini non possono più esprimersi. Va da sé che il voto di sabato per la Provincia di Pescara non è stato un voto politico, ma un voto espresso all’interno di un gruppo ristretto della società: i consiglieri comunali e i sindaci del territorio, già per loro stessa funzione orientati politicamente, almeno nella maggior parte. Ed è stato un voto di esplicita conferma ai due anni di amministrazione appena trascorsi. Il Pd non ha presentato una lista “sua”, fatta cioè sotto il simbolo del PD e elaborata dagli organi del Partito, ma ha espresso dei propri esponenti nella lista civica ideata e nutrita dal Presidente della Provincia in carica. Se fosse stata una elezione dal valore politico il Partito avrebbe escluso certamente candidati che non fossero direttamente riconducibili all’esperienza del centrosinistra, perché fino ad oggi non si è svolta alcuna direzione regionale che abbia cambiato la linea di forte impegno del Pd nella costruzione di alleanze di governo nell’alveo del centrosinistra. La linea resta quella di massima apertura a tutte le forze sociali e civili, ma con un chiaro orientamento di centrosinistra. In ogni caso, i candidati direttamente espressione del PD sono andati molto bene e con soddisfazione si può dire che il nostro è l’unico partito che punta molto sulle donne, per il presente e per il futuro, essendo state elette per prime tutte le donne in campo. Non si può dire la stessa cosa del centrodestra che ha fatto registrare uno spiacevole zero nella casella dei voti per l’unica donna in lista, la più giovane candidata d’Italia. La perdita di un consigliere provinciale rispetto a due anni fa è fisiologica visto che nelle scorse amministrative il centrodestra ha conquistato Penne, e di conseguenza si è ridotto il numero e il peso dei consiglieri in forza al centrosinistra. Con la differenza che l’importante città Vestina con il centrosinistra al governo riusciva anche ad eleggere un rappresentante in Provincia. Inoltre, diversamente dal 2014, questa volta era in campo una terza lista, quella del PSI, che per forza di cose ha raccolto voti che molto probabilmente sarebbero andati naturalmente alla lista del Presidente Di Marco, essendo chiaro dai risultati che nei centri più piccoli esponenti del Pd abbiano “dimenticato” il proprio partito per aiutare esponenti della lista socialista. In futuro è auspicabile dedicare meno tempo possibile ad improbabili alchimie politiche, perché non è solo con l’aritmetica che si guadagna il consenso. All’opinione pubblica è dovuta chiarezza e trasparenza nelle alleanze di governo e nelle scelte amministrative, ed io sono certa che la nuova squadra eletta in Provincia, guidata da Antonio Di Marco, avrà come mission esclusiva l’interesse dei cittadini e delle loro comunità, e il Partito Democratico la sosterrà mantenendo alta l’attenzione su uno dei temi cardine dell’ente: l’edilizia scolastica e la messa in sicurezza degli Istituti della provincia”.

Related posts

La Riserva del Borsacchio tornerà presto alla città di Roseto

admin

Infrastrutture ferroviarie e stradali: Tua e Anas sottoscrivono un’intesa strategica per la Fondovalle Sangro

admin

Misure investimenti Psr, Febbo: “Presentata una diffida per gravi inadempienze e ritardi”

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy