Sport

Chieti annichilisce la Luiss Roma in gara 1 (81-55)

Chieti. L’Europa Ovini domina gara 1 con una prova sontuosa e senza macchie: i teatini hanno dimostrato di saper alzare il livello del proprio gioco contro un’avversaria ostica in quanto imprevedibile e giovane. Coach Coen ha preparato tatticamente la gara alla perfezione togliendo dalla partita, con una difesa asfissiante, il principale terminale offensivo dei romani, Infante, e azzannando alla gara sin dalle prime battute. Chi ben comincia è già a metà dell’opera: giovedì 2 maggio Migliori e compagni si giocheranno la prima chance per passare alle semifinali senza però commettere l’errore di giocare con superficialità, appagati dalla prova odierna.

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare: mai una frase fu più azzeccata per descrivere l’avvio di partita di Franco Migliori, assolutamente immarcabile dalla difesa romana e capace di infiammare il PalaTricalle con due triple consecutive da vero veterano del gioco. L’ala argentina mostra tutta la sua esperienza, il bagaglio tecnico sconfinato in attacco e la vera garra sudamericana nelle partite che contano. L’Europa Ovini la gioca tutta sull’intensità difensiva costringendo la Luiss a tiri contestati soprattutto dall’arco: Infante, costantemente raddoppiato, può solo spaziare l’area cercando dei tiratori liberi ma, al momento, la scelta tattica di coach Paccariè non ripaga (2/8 da tre). Con merito Chieti chiude avanti (21-15).

Il parziale del primo periodo non rende l’idea della superiorità evidenziata dai padroni fin qui. Infatti, dopo il primo mini intervallo, Chieti rientra con una marcia in più sospinta soprattutto da Gueye, salito in cattedra con un mini-break (5-0) rispetto ai primi dieci minuti di solidità in difesa. Allora si torna a vedere l’Europa Ovini dei giorni migliori, quella capace di costringere gli avversari a soluzioni complicate (5 possessi recuperati) e di giocare a memoria in attacco con percentuali da capogiro dalla linea dei 6,75 (7/14), il tutto ad un livello superiore in perfetto clima playoff. La Luiss Roma prova a tenere botta con Bonaccorso (11) e Martino (8) ma non è sufficiente per evitare il primo vero strappo della gara (42-27).

Rientrati dagli spogliatoi, gli uomini di coach Coen continuano a tenere alto il ritmo del proprio gioco e, se nella prima metà di gara sono stati gli esterni a dominare al tiro, ad inizio ripresa Ponziani (8) e Milojevic (7) in staffetta si caricano addosso il peso dell’attacco con movimenti sotto le plance efficaci. I romani, senza l’apporto indispensabile di Infante nel pitturato a causa della gabbia difensiva teatina, faticano a trovare il canestro con regolarità se non con il solito Martino in grande spolvero stasera. Anche quando il livello del gioco si abbassa sul finire del periodo per una flessione fisiologica, l’Europa Ovini sembra in totale controllo, specie a rimbalzo offensivo, vero fattore in questa gara (63-45).

Seppur non ci sia stata più partita da inizio secondo quarto, i titoli di coda arrivano definitivamente con dieci minuti ancora da disputare. Roma crolla trovando il primo canestro in prossimità del giro di boa del periodo finale. I teatini con intelligenza gestiscono il cronometro senza però smettere di giocare ma restando sul pezzo fino a raggiungere il massimo vantaggio di serata (75-45). C’è ancora tempo per un paio di cioccolatini dall’arco da parte di Staffieri e per l’ingresso di Sigismondi, a segno dalla lunetta (1/2), in un clima di festa di fronte ad una cornice di pubblico encomiabile. L’Europa Ovini fa sua gara 1 e giovedì 2 maggio potrebbe già staccare il pass per le semifinali in caso di vittoria al PalaLuiss. La squadra di coach Paccariè ha lottato finchè ha potuto prima di dover sollevare la bandiera bianca (81-55).

Parziali: 21-15; 21-12 (42-27); 21-18 (63-45); 18-10 (81-55)

Europa Ovini Chieti: Gialloreto 6 (2/7), Di Carmine 4 (2/3), Di Emidio 5 (1/2, 1/2), Ponziani 14 (6/7, 2/2 tl), Migliori 14 (3/4, 2/3, 2/2 tl), Radonjic 2 (1/2), Milojevic 7 (2/5, 1/2), Gueye 9 (3/3, 1/4), Staffieri 9 (1/1, 2/2, 1/2 tl), Meluzzi 10 (2/3, 2/5), Sigismondi 1 (1/2 tl). Coach Coen, Ass. Coach Perricci, Ass. Coach Cinquegrana.

Rimbalzi O/D 36, 10+26 (Radonjic 7), tiri da due 21/31 (68%), tiri da tre 11/28 (39%), tiri liberi 6/9 (67%)

Luiss Roma: Veccia 6 (2/5), Infante 6 (3/5), Marcon, Martino 15 (5/7, 1/3, 2/3 tl), Di Carmine, Novarini 3 (1/5), Faragalli Serroni 3 (1/3), Di Francesco 3 (1/4), Bonaccorso 13 (3/6, 2/6, 1/1 tl), Garofalo, Martucci 2 (2/3 tl), Gellera 4 (2/5). Coach Paccarie, Ass. Coach Fulgaro.

Rimbalzi O/D 25, 8+17 (Bonaccorso 5), tiri da due 13/28 (46%), tiri da tre 8/28 (29%), tiri liberi 5/7 (71%)

Related posts

Pescara è pronta a ridere con Gabriele Cirilli ed il suo nuovo “Mi Piace”

admin

Pareggio tra Chieti e Nereto: i neroverdi restano in vetta solitaria

admin

Calcio a 5 Femminile, biancazzurre all’esordio con le padovane della Rambla

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy