Cultura e eventi

La Corale Padre Mario, dall’Abruzzo, a Roma nella chiesa degli Artisti

Roma. La prima domenica dopo Pasqua, in una Roma con più stranieri che romani, per via del lungo ponte pasquale, nella Chiesa conosciuta come “degli Artisti”, alias Basilica Santa Maria in Montesanto, in Piazza del Popolo, c’era aria abruzzese. Difatti ad animare la messa con canti gregoriani è stata la Corale Padre Mario di Castelvecchio Subequo con al seguito un numeroso gruppo, venuto in autobus dalla non molto lontana Valle Subequana, ai piedi della catena del Monte Sirente. Il coro è di circa venti componenti, a voci pari a cappella, senza supporto strumentale, sulla breccia ormai da oltre 25 anni, nato in memoria del frate francescano che negli anni settanta avviò i giovani al canto corale.
Dall’autunno scorso la direzione della Corale è stata affidata al Maestro Pino Ferroni, docente di musica, originario subequano che con un intenso lavoro ha portato il coro a livelli artistici di notevole rispetto.
Oltre a don Walter Insero, responsabile dell’Ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi di Roma e collaboratore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, ha concelebrato la messa, proprio per condividere la giornata con la propria comunità subequana di origine, Padre Giulio Cesareo, che ricopre il ruolo di direttore editoriale della Libreria editrice vaticana e che ha coniato il motto: “Essere cristiani significa comunicare e stare con la gente”.
Lo stesso don Walter Insero è rimasto estasiato, complimentandosi per la suggestione espressa dall’animazione del coro alla funzione religiosa, per il pregio artistico che ha definito superiore a quello offerto dagli stessi monaci, i quali in quel luogo sacro spesso cantano e pregano.
La buona riuscita della performance è stata garantita sicuramente dalla stessa Chiesa degli Artisti, la cui costruzione fu diretta dal Bernini, a forma ellittica, che vanta un’acustica formidabile. Non a caso era la chiesa preferita da Händel per le sue composizioni nel 1706, allorché visse a Roma.

Related posts

Commemorazione del 14° Anniversario della strage di Nassiriya

admin

Calcio, il Lanciano 1920 si aggiudica la gestione del campo da calcio di Treglio

admin

Ortona, teneva in casa ordigni bellici e sostanze esplosive: arrestato

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy