Cronaca

Turkish Cargo riporta a casa un grifone, specie a rischio estinzione VIDEO

Milano. Come parte del suo impegno a trasportare animali nelle condizioni il più possibile simili a quelle del loro habit naturale, Turkish Cargo ha effettuato un’altra operazione di trasporto salva-vita. Un grifone, specie in via di estinzione, ha iniziato il suo viaggio migratorio dalla Serbia, ma raggiunta la località di Şanlıurfa (Turchia), dopo aver percorso per 1600 chilometri la sua rotta stagionale, non è riuscito a proseguire; Turkish Cargo è quindi intervenuto per riportare il rapace a Belgrado.

Questo raro esemplare di grifone di un anno e mezzo, chiamato Dobrila, rappresenta l’ultimo anello della catena dell’ecosistema, e in Europa si trova solamente nel canyon di Uvac in Serbia; il rapace ha perso le forze mentre volava verso est lungo la sua rotta migratoria stagionale ed è atterrato a Şanlıurfa. Qui, dopo essere stato ritrovato da alcuni agricoltori del luogo, è stato trasportato al Centro per il Salvataggio e la Riabilitazione della Fauna Selvatica della città.

Nel centro di Şanlıurfa, il grifone è stato sottoposto ad alcuni controlli, fino a ritornare in una condizione di salute ideale. Una volta ripresosi, è stato nuovamente rilasciato in natura per permettergli di riprendere la sua rotta migratoria. Nonostante ciò, Dobrila non riusciva a proseguire il suo volo e per questo motivo gli ufficiali del Ministero dell’Agricoltura e delle Scienze Forestali della Repubblica di Turchia si sono messi in contatto con le autorità serbe, grazie al numero tracciabile e alla targhetta applicata sulla zampa di Dobrila. Dopo un consulto tra le autorità dei due Paesi, è stato stabilito di trasportare Dobrila al Biological Research Institute (Siniša Stanković) di Belgrado.

Turkish Cargo, in linea con la sua missione di salvaguardare la vita degli animali e la natura durante le operazioni di trasporto, ha riportato il grifone in Serbia da Şanlıurfa via Istanbul; qui il rapace è sato consegnato alle autorità serbe durante una cerimonia ufficiale alla quale hanno preso parte Tanju Bilgic, Ambasciatore della Repubblica di Turchia in Serbia, e Goran Trivan, il Ministro per la Protezione Ambientale serbo.

“Oggi è un giorno molto speciale per Dobrila, perché dopo mesi di riabilitazione può finalmente tornare a volare per la prima volta. Ringraziamo Turkish Cargo per il loro supporto” ha dichiarato Irena Hribsek, la biologa della Foundation for the Protection of Birds of Prey, responsabile della salute di Dobrila.

Turkish Cargo, che porta avanti la sua #MissionRescue e che trasporta animali vivi con la massima cura, aveva già movimentato quattro leoni sofferenti e malati dall’Ucraina al loro habitat naturale a Johannesburg.

Con un ampio network che raggiunge oltre 300 destinazioni in 124 Paesi in tutto il mondo, Turkish Cargo segue i regolamenti CITES e IATA LAR (IATA Lıve Animals Regulations), che vengono implementati in tutte le procedure relative a documenti, gabbie ed etichettatura, provvedendo con la massima cura ai servizi di stoccaggio e trasporto di animali vivi.

Related posts

Riapre la Chiesa della Madonna dell’Elcina di Abbateggio

redazione

San Salvo, riparte “L’Arcobaleno dei Ricordi” per essere vicini ai malati di Alzheimer

redazione

A Pescara focus sulle opportunità di sviluppo delle rinnovabili in Abruzzo

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy