Economia

L’economia circolare in Abruzzo ha 50 anni con Aureli

Milano. L’economia circolare è una realtà da oltre 50 anni in Abruzzo grazie all’azienda agricola Aureli Mario, mappata dal primo Atlante Italiano di Economia Circolare (www.economiacircolare.com), voluto da Ecodom, il principale Consorzio italiano per il recupero dei RAEE, insieme a CDCA (Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali in Italia).

Nata nel 1968 per coltivare e lavare gli ortaggi della Piana del Fucino, dal 2000 è diventata un’eccellenza nei processi di trasformazione agricola, in cui gli scarti inutilizzabili ai fini di produzioni alimentari sono immessi in un imponente impianto a Bio Masse per produrre energia elettrica e recuperare energia termica. L’ultimo passaggio è il recupero dello scarto degli ortaggi fermentati, il digestato, valido concime naturale per le coltivazioni Aureli.

Proprio queste scelte orientate verso l’economia circolare hanno fatto sì che l’azienda abruzzese fosse una di quelle raccontate dagli storyteller nella prima edizione del concorso “Storie di Economia Circolare”, lanciato da Ecodom e CDCA e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti.

Storie simili potranno essere raccontate in occasione della seconda edizione del Concorso da videomaker, fotografi, podcaster, scrittori e disegnatori, entro il 31 luglio 2019 (https://www.economiacircolare.com/bando/). I cinque vincitori, uno per categoria (video, foto, radio, scrittura e fumetti), saranno selezionati prima attraverso una votazione online e poi da una giuria formata da esperti del mondo dell’informazione e della cultura.

Nei primi 6 mesi del 2019 Ecodom ha gestito in Abruzzo 740 tonnellate di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), pari a circa l’ 1,3% del totale italiano. Da queste 740 tonnellate, che corrispondono al peso di 13 carrozze di un Frecciarossa 1000, sono state ricavate 414 tonnellate di ferro, 14 tonnellate di alluminio, 16 tonnellate di rame e 86 tonnellate di plastica. Il corretto trattamento di questa tipologia di rifiuti ha permesso di risparmiare quasi 1.000.000 kWh di energia elettrica e di evitare l’immissione in atmosfera di quasi 6.000 tonnellate di anidride carbonica.

Ecodom – Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici – è il Sistema Collettivo nazionale che gestisce, senza fini di lucro, il trasporto e il trattamento dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). Costituito nel 2004 su base volontaria dai principali produttori di grandi elettrodomestici, cappe e scalda-acqua operanti nel mercato italiano, Ecodom ha l’obiettivo fondamentale di evitare la dispersione di sostanze inquinanti nell’ambiente e massimizzare il recupero dei materiali da reinserire nel ciclo produttivo, nel rispetto della normativa in materia (D. Lgs. 49/2014). Ecodom gestisce i RAEE provenienti dai nuclei domestici di tutti i Raggruppamenti – R1 (frigoriferi e condizionatori), R2 (lavatrici, lavastoviglie, forni), R3 (TV e monitor), R4 (piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo, informatica, apparecchi di illuminazione, cappe, scalda-acqua) e R5 (sorgenti luminose).

www.ecodom.it

Related posts

Presentato il Progetto Autoctonie: 10 partners per la filiera della lana e della carne ovina

redazione

In Confindustria Chieti Pescara convegno sugli appalti

redazione

Lanciano, l’ITS Sistema Meccanica ospita Startup Grind

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy