Cultura e eventi

Report dal 1° Festival Internazionale della Cultura di Letino, nel Parco Nazionale del Matese

Caserta. Il 13 settembre 2019 si è svolta a Letino, la bella e suggestiva cittadina dell’alto Matese in provincia di Caserta, Bandiera arancione del Touring Club d’Italia, una manifestazione dedicata all’arte figurativa, a quella poetica, teatrale, musicale e anche alla narrativa, alla quale hanno partecipato tanti personaggi della cultura campana, italiana e anche mondiale.Ideatori e organizzatori del Festival, col patrocinio gratuito del Comune di Letino, sono stati il poeta caleno Gino Iorio, la poetessa Anna Cappellae il critico d’arte Carlo Roberto Sciascia.

Nell’occasione, prima dell’inizio della manifestazione, c’è stato lo svelamento di una stele in pietra lavica, sulla quale è stata incisa la lirica: “LETINO” diGino Iorio, poesia premiata con medaglia di bronzo del Presidente del Senato al Concorso Nazionale di poesia “Vittorio Alfieri” di Asti e che qui di seguito riportiamo:

LETINO
Adagiata sul costone
a ridosso del Lete
all’ora sesta.
Il silenzio è un’armonia di suoni:
le campane segnano il tempo,
il vento sbriciola la tenera roccia
e sibila attraverso gli anfratti,
le cicale friniscono nascoste,
il campanaccio richiama la mandria
mentre la pastorella mi passa a fianco
col suo gregge che profuma di stalla;
e lo scultore batte la pietra
per descrivere in essa
le sue emozioni
come io sul foglio le mie,
in questa giostra di sensi
che spinge l’animo
a cercare l’oltre
nell’immensità di questo spazio.

Gino Iorio

Subito dopo, nel corso di una cerimonia suggestiva, sono state consegnate le pergamene di “Riconoscimento di Alta Onorificenza Culturale”a tanti talenti della cultura nazionale e mondiale,nomi tra i quali spiccanoil prof. HafezHaidar,candidato al Nobel per la pace nel 2017 e nel 2018 e candidato nel 2019 al Nobel per la letteratura; il prof. Vladimiro Ariano, rettore della libera Università di Scienze Sociali e del Turismo di Napoli e Segretario Generale del neonato organismo internazionale rivolto al miglioramento sociale e culturale dei paesi Africani; il prof. Giovanni Brandi Cordasco, giurista e ricercatore storico e sociale del diritto nella sua continua aderenza alla realtà quotidiana; il prof. Adolfo Giuliani,fondatore del movimento pittorico “Esasperatismo” nato a Napoli intorno agli anni 2000; il prof. Luca Filipponi, presidente dello Spoleto Festival Art; il tenore Fabio Andreotti; il poeta e psicologo Sergio Camellini.

Tra i poeti c’è stata la gradita presenza di Patrizia Stefanelli, insieme a quella di tanti altri, come Marino Monti, Filippo Crucillà, Nunzio Buono, Giuseppe Brunasso, Enzo Bacca e Vincenzo Pietropinto. Tanti anche i premiati nella poesia dialettale, come Gino Abbro, Aurelio Apicella, Enrico Del Gaudio, Ciro Iannone e Fausto Marseglia.

Tra i pittori Letizia Caiazzo, Raffaele Cantone, Leonilda Fappiano, lo straordinario disegnatore Luciano Gaudini, Marcella Molea, Caterina Rizzo e Giuseppe Caputo. Tra gli scultori premiati il naif Luigi Stocchetti, in arte Stolu, originario di Letinodove ancora risiede. Di lui Rosario Pinto, critico d’arte, ha scritto: “C’è una figura di artista, uno scultore, che si aggira tra le montagne del Matese… che ha imparato a parlare con le pietre, in un colloquio intenso e profondo…”.Tra i premiati anche il pittore-scultore Nicola Migliozzi di Calvi Risorta.

Premiati nel Giornalismo e nella Narrativa Goffredo Palmerini, già vice sindaco dell’Aquila, che vanta collaborazioni molteplici e prestigiose scrivendo su giornali e riviste in Italia e sulla stampa italiana all’estero inArgentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Lussemburgo, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Sud Africa, Uruguay e Venezuela, insomma, una bella e importante voce italiana nel mondo.

Premiati anche il giornalista scrittore Salvatore Minieri, noto per i suoi libri inchiesta sulla camorra e il malaffare e Massimo Zona, di Roma, ma attualmente residente a Calvi Risorta, romanziere noir che si sta facendo sempre più valere tra gli scrittori emergenti.Tutti e tre sono stati insigniti del “Riconoscimento di alta Onorificenza Culturale per il Giornalismo e la Narrativa”.

Certo, non sono mancate le difficoltà e qualche incongruenza organizzativa. Letino di per sé non è luogo facile dove ospitare manifestazioni di questo tipo, pur presentando panorami mozzafiato, bellissimi e coinvolgenti. Le strade strette e percorribili con grande difficoltà, risultate spesso intasate, non hanno facilitato l’accesso al centro storico, causando non pochi malumori specie alle persone anziane, che dovevano recarsi alla premiazione percorrendo un lungo tratto in salita.Ma è solo la prima edizione di quello che si avvia a diventare un Premio prestigioso e ambìto. Siamo certi che i tre brillanti organizzatori, con la dinamica Amministrazione comunale, sapranno trarre preziosi suggerimenti per il futuro.

Related posts

Chieti, presentato il servizio di consultazione gratuita per la ricerca degli antenati

admin

Matrimonio di Tony e Tina Colombo: una parata di vip per la festa della promessa

redazione

Popolo della Famiglia Teramo: “500 euro al mese a tutte le mamme”

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy