Politica

Credito, Febbo: “Il Pd taccia per rispetto degli abruzzesi”

Pescara. “Il Partito Democratico che ha trascorso la passata legislatura a fare nomine creando addirittura nuove poltrone e trasformando gli Enti regionali in veri e propri poltronifici per gli amici degli amici, vorrebbe attribuire alla Giunta Marsilio le colpe dei ritardi sui fondi alle imprese creati dall’inerzia, inefficienza e controversie e non risolte proprio da loro stessi”. Questa la replica dell’assessore regionale alle Attività Produttive, Mauro Febbo che spiega quanto segue: “Proprio oggi abbiamo pubblicato con Determina Direttoriale numero DPH/140 del 4.10.2019 la graduatoria della misura che assegna fondi pari ad euro 3.150.000,00 indirizzato alle attività economiche che hanno subito danni con il sisma 2016. I consiglieri del PD, abili strumentalizzatori, tacciono di dire che a seguito della loro attività abbiamo subito un intervento della Commissione Europea, causando il presunto ritardo, che finalmente stiamo sanando”.

“A questa immediata e concreta risposta stiamo affiancando anche altre iniziative in merito all’ accesso al credito. Infatti – prosegue Febbo – abbiamo già definito le linee d’indirizzo in merito al finanziamento CIPE di circa 8 milioni di euro e abbiamo condiviso il percorso con il mondo dei Confidi in un incontro tenutosi lo scorso 2 ottobre. In questo intervento è previsto anche il coinvolgimento, in qualità di gestore, della FIRA, ente che la scorsa giunta D’Alfonso non è mai riuscita a valorizzare, anzi… piuttosto umiliare”.

“Ma se ciò non bastasse a far capire l’arroganza e presunzione degli esponenti del PD va chiarito quanto avvenuto con i fondi relativi all’art. 20 bis. In merito la Regione Abruzzo ha ricevuto 3,3 milioni di euro per l’annualità 2017 e 1,3 milioni di euro per l’annualità 2018. In questi due anni in cui vi era la Regione tutt’altro che facile e veloce di D’Alfonso, Pepe e soprattutto Paolucci, non sono stati attivati i relativi bandi. 4.6 milioni di euro bloccati dall’incapacità amministrativa del PD che oggi cerca di ribaltare la verità. E non è tutto. A seguito della richiesta di revisione del Decreto fatta pervenire al Ministero proprio da Lolli, vi è stato un ritardo per l’affidamento di 500 mila euro per l’annualità 2019 che ci sono stati assegnati tramite comunicazione dal Ministero solo lo scorso 3 settembre. Siamo nettamente più concreti di loro, ma ci diano il tempo di fare un bando serio per gli abruzzesi. Inoltre i consiglieri regionali del PD possono stare tranquilli che oggi non sussiste nessuna bega interna, ma al contrario la Direzione è al lavoro per dirimere le controversie scaturite dai contenziosi nati per la loro mal gestione dei fondi”.

“Prima di avventurarsi in certe dichiarazioni i consiglieri in causa – conclude Febbo – farebbero bene a farsi un esame di coscienza e valutare quanto da loro non prodotto nella passata legislatura creando una vera e propria macelleria sociale. Il PD ha perso l’ennesima occasione per tacere”.

Related posts

Barisciano, Solisti Aquilani Trio e Giardini al San Colombo

admin

Pescara, prosegue fino a domenica PreVisioni

admin

Nuovi appuntamenti per l’Accademia teatrale Arotron di Pianella

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy