Cultura e eventi

Chieti, “Ci sono cose da fare ogni giorno”: convegno all’Università

Chieti. Si terrà giovedì, 28 novembre 2019, alle ore 9:30, presso l’Auditorium del Rettorato dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, il convegno sul tema “Ci sono cose da fare ogni giorno: Gianni Rodari e i diritti dei bambini e delle bambine. A 30 anni dalla Convenzione ONU”. Organizzato dal DILASS (Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali) della “d’Annunzio” l’incontro vedrà come relatori Ilaria Filograsso (Università di Chieti), Emiliano Macinai (Università di Firenze), Pino Boero (Università di Genova), Walter Fochesato (Università di Genova) e Tito Vezio Viola (Direttore della Biblioteca di Ortona). L’evento intende sancire l’avvio della progettualità comune tra il DILASS e il Comune di Ortona – Servizio bibliotecario comunale. Essa tende alla realizzazione, nel 2020, dell’anno rodariano. L’accordo prevede la costituzione di una rete di istituzioni e realtà locali (biblioteche, scuole, nidi, associazioni, librerie, e tutte le altre realtà che curano i bambini) impegnata nella promozione di mostre, laboratori, spettacoli teatrali, momenti formativi, in contesti scolastici ed extra-scolastici, dedicati ai cento anni dalla nascita di Gianni Rodari.
<L’ulteriore ricorrenza del trentesimo anniversario dell’approvazione della Convenzione Onu sui Diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza – spiega la professoressa Ilaria Filograsso, docente di Storia della Pedagogia presso la “d’Annunzio” – offre l’occasione per indagare sulla profondità di Gianni Rodari, un autore che ha sempre perseguito, sul piano letterario e pedagogico, l’emancipazione critica e creativa di bambine e bambini: la sua “teoria dell’infanzia” prefigura, infatti, alcuni principi fondamentali della Convenzione e propone spunti di riflessione ancora di grande attualità su genitorialità, relazione educativa, diritto all’educazione, al gioco e al tempo libero.A fronte di un bilancio complesso sugli obiettivi raggiunti dalla Convenzione e sul lavoro ancora da fare per tutelare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel quadro delle nuove emergenze educative planetarie, – conclude la professoressa Filograsso – l’anno rodariano si propone, al di là di ogni intento meramente retorico o celebrativo, di attivare la comunità educante intorno a progetti concreti che mettano al centro i bambini e le bambine nel loro diritto alla qualità culturale e formativa>.

Related posts

Sconfitta immeritata per il Chieti Calcio Femminile con il Grifone Gialloverde

admin

Candidatura Inka Zulli lista “Abruzzo in Comune”

admin

Il Chieti Calcio Femminile perde il derby con il Pescara all’Angelini

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy