Cultura e eventi

Il borgo dei bimbi e dei sogni, a Pretoro è tempo di magia con la favola

Pretoro. C’è un borgo in Abruzzo dove il tempo sembra essersi fermato, è un borgo in cui il Natale non è solo “la festa”, ma è una grande emozione vissuta in famiglia, tra gli abbracci ed i sorrisi di chi ancora è capace di sognare: i più piccoli.
Il nome di questo borgo è Pretoro (Chieti) e si trova nel cuore pulsante del Parco Nazionale della Majella, in un punto in cui la natura è incontaminata, e dove la vita frenetica della città può trovare riparo dai ritmi accelerati.
Proprio qui, i bimbi sanno ancora dare corpo ai loro sogni e sono spinti dalle loro famiglie a vivere insieme momenti di divertimento e di allegria, soprattutto in periodi come quelli natalizi in cui le tradizioni hanno la meglio.
E proprio nel borgo si sono riuniti ieri pomeriggio i bimbi di questo magico tratto di area montana per partecipare alla presentazione del libro di Felicita Romano, la scrittrice di Pianella (Pescara) che con “La Favola di Puccino e Luppina: gli aggiusta cuori” parla al cuore dei bimbi per spiegare loro la vera essenza dell’Amore che si oppone al male, che tutto può risolvere e che non deve mai mancare soprattutto durante la difficile fase della crescita. La presentazione del libro fortemente voluta dalla giornalista Alessandra Renzetti che ha moderato l’incontro, ha visto partecipare attivamente i bambini che hanno rivelato un grande amore nei confronti del loro territorio.
In questo borgo, dove i valori sono ancora molto forti, dove ai piccoli è concesso ancora di sperare, decine e decine di famiglie si sono riversate tra le tiepide mura di un ambiente famigliare ed accogliente in cui ai più piccoli è stato concesso di giocare in compagnia dell’Associazione “Gli Scatenati”; ai loro genitori, invece, è stato possibile riabbracciarsi per scambiare gli auguri e vedere i loro figli sorridere, senza temere l’imminente maltempo che ha allertato i comuni montani in particolare.
I due graziosi gnometti, Puccino e Luppina che rappresentano l’amore di cui tanto si parla nel libro, proprio a Pretoro hanno trovato il loro ambiente ideale, grazie anche ad un’animazione pensata per l’occasione e proprio i due dolci gnometti hanno aiutato i bimbi a capire in che modo Giulia e Francesco, i due co-protagonisti di questa favola simboleggiano tutti i bambini del mondo poichè nel corso della vita è possibile fidarsi di questo enorme sentimento e si può godere di tutta la sua dolcezza anche in condizioni difficili.
L’appuntamento che ha regalato momenti di gioia a tante famiglie è stato inserito in un cartellone di eventi curato dalla Proloco di Pretoro con il Patrocinio del Comune di Pretoro rappresentato ieri dal vicesindaco Fabrizio Fanciulli che ha regalato a Felicita Romano una scultura in legno con le figure di Puccino e Luppina realizzata proprio da colui che ormai ha reso il borgo noto in tutto il mondo: Mastro Tonino, l’ultimo dei fusari d’Abruzzo.

Related posts

“Il cinema dei Papi”: presentato a Ortona l’ultimo lavoro di monsignor Dario Viganò

redazione

Atessa, Giuseppina Fantasia nominata Cavaliere al Merito della Repubblica

admin

Cagli, il Teatro Comunale riapre al solstizio d’estate

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy