Politica

Pescara: Rapposelli, Pastore e Foschi su approvazione ordine del giorno su progetto di via Marconi

Pescara. “Il progetto di riorganizzazione della mobilità in via Marconi, con la realizzazione di un nuovo tracciato per il percorso pubblico, andrà necessariamente rivisto al fine di impedire la scomparsa di almeno 96 posti auto, che verrebbero inevitabilmente cancellati sul lato monte del marciapiede. Lo ha deciso il Consiglio comunale di Pescara che ha approvato un ordine del giorno ad hoc con 17 voti favorevoli e i 4 contrari dei pentastellati. Come abbiamo già ribadito in Commissione, si tratta di un progetto ereditato dalla precedente amministrazione e che è semplicemente sbagliato, quindi non può essere portato avanti penalizzando la città e il suo tessuto produttivo”. Lo hanno detto i consiglieri comunali Fabrizio Rapposelli, primo firmatario dell’ordine del giorno, Presidente della Commissione Attività Produttive, e Massimo Pastore, Presidente della Commissione Lavori pubblici, entrambi di Fratelli d’Italia, e Armando Foschi, della Lega, Presidente della Commissione Viabilità e Sicurezza, all’esito del voto dell’aula.
“La giunta comunale – hanno spiegato i consiglieri Rapposelli, Pastore e Foschi presentando il documento – il 24 maggio 2019, peraltro il giorno prima delle elezioni amministrative, ha approvato la delibera numero 406 inerente la realizzazione del tracciato del trasporto pubblico in sede protetta in via Marconi, con gli studi di fattibilità e i progetti preliminari con una spesa pari a 1milione 300mila euro, finanziamenti SUS – POR Fesr. Lo scorso 15 dicembre le Commissioni Attività Produttive, Viabilità e Sicurezza e Lavori pubblici si sono riunite su richiesta dei titolari delle molteplici attività commerciali situate lungo il tratto di via Marconi interessato dall’intervento, oltre che su richiesta dei tanti residenti per esaminare il progetto. In quella occasione anche le Associazioni di categoria, tra cui la Confcommercio, hanno espresso forti preoccupazioni per l’iniziativa e per una progettualità che, se realizzata, andrebbe di fatto a pregiudicare tutte le attività commerciali della zona soprattutto in virtù della prevista cancellazione di oltre 96 posti auto sul lato mone della stessa via Marconi. Il progetto approvato e avviato dalla precedente amministrazione di centrosinistra prevede infatti la realizzazione di una carreggiata riservata al transito dei mezzi di trasporto pubblico sul lato monte di via Marconi, con direzione di marcia nord-sud, che andrà a cancellare inevitabilmente gli stalli di posteggio delle vetture sul lato monte, pregiudicando l’alta densità residenziale e commerciale della zona. Ora, pur essendo del tutto favorevoli al tracciato in sede protetta del trasporto pubblico, si riscontra la necessità di una rivisitazione del progetto, non potendo lo stesso pregiudicare o danneggiare il tessuto economico e residenziale del territorio di riferimento, ma piuttosto dovrebbe accompagnare e favorirne lo sviluppo. A questo punto, visto che a oggi via Marconi risulta essere una delle principali arterie della città commercialmente funzionante e dal traffico fluido in entrambe le direzioni di marcia, e che al contrario l’intervento andrebbe a penalizzare l’intera area. È evidente che invece la rivisitazione del progetto andrebbe a favorire lo sviluppo residenziale e commerciale anche di altre importanti arterie, come via D’Annunzio e via Misticoni, in modo da supportare anche lo sviluppo della realtà universitaria già insediata in viale Pindaro. Per tali motivazioni – hanno aggiunto i tre consiglieri Rapposelli, Pastore e Foschi -, abbiamo portato in Consiglio comunale un ordine del giorno in cui abbiamo invitato sindaco e giunta a ‘verificare, attraverso valutazioni tecniche degli Uffici preposti, ogni possibile soluzione alternativa o variante migliorativa al progetto, tali da non imporre la cancellazione dei 96 posti auto oggi esistenti sul lato monte di via Marconi a disposizione della sosta’. La maggioranza ha sostenuto con forza tale proposta, approvando l’ordine del giorno e condividendo l’idea di fondo che Pescara non possa più permettersi errori macroscopici come la pista ciclabile di via Muzii, e che ogni intervento urbanistico e infrastrutturale dovrà puntare a migliorare la qualità della vita e del benessere del territorio e non sicuramente a danneggiare la sua economia produttiva”.

Related posts

Uscirà il 05.04.2019, edito da ‘Revubs’, il nuovo album dei ‘Carbonara Blues’ dal titolo ‘Proibizionismo’

admin

Ortona, la commissione elettorale recepisce le linee di indirizzo delineate dalla giunta comunale per individuare i criteri di nomina degli scrutatori

redazione

Fossacesia, le sedute di giunta e consiglio comunali si terranno in videoconferenza

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy