Cronaca

Asl Chieti: “Se il pettegolezzo diventa notizia ai tempi del Coronavirus”

Chieti. “Non è il momento di giocare a “siamo tutti reporter”. Non è il momento di cercare visibilità a basso costo. Non è il momento di soffiare sul fuoco già vivo della paura diffusa. Non è il momento di amplificare chiacchiericcio da comari e stupidità, rendendosi complici di un danno alla collettività. Si rende necessario, in queste ore, un richiamo al senso di responsabilità individuale e collettivo sulla diffusione di notizie false riguardo ai casi di Coronavirus in provincia di Chieti, rilanciate alla rinfusa sulla Rete e prese in considerazione anche da qualche testata online, o presunta tale”.
Si legge così in una nota della Asl Chieti, che prosegue: “La situazione di allerta alta che vive il Paese, così come il nostro territorio, impone l’autenticità dell’informazione, che solo le fonti istituzionali e accreditate possono garantire. Tutto il resto è spazzatura e volgare abuso della credulità popolare. Sono inqualificabili le falsità che circolano su presunti nuovi casi a Vasto, o su ricostruzioni abiette dei movimenti del paziente ricoverato a Chieti. Fin dal primo caso accertato in Abruzzo, il Servizio Tutela e Prevenzione della Regione ha dato notizie tempestive e chiare, a qualunque ora del giorno e della notte, nella consapevolezza piena del dovere di informare correttamente i cittadini, e continua a farlo tuttora, restando l’unica fonte autorevole e accreditata a dare notizie.
Dal momento in cui il contagio si è diffuso anche in provincia di Chieti, come Azienda sanitaria locale abbiamo fatto e facciamo la nostra parte, a supporto del Servizio regionale, diffondendo a cadenza regolare il bollettino medico sui pazienti ricoverati e raccontando passo passo come la Asl Lanciano Vasto Chieti si sta organizzando per fare fronte a una possibile emergenza, se sarà tale.
Comunichiamo con puntualità e onestà tutte le azioni messe in campo per essere pronti a rispondere al meglio ai casi più o meno gravi che si presentano e qual è il lavoro del Dipartimento di Prevenzione a difesa della salute collettiva.
Questa è la verità, è l’unica, che viene condivisa attraverso i canali di informazione ufficiali. Non ce ne sono altre e non c’è nulla da svelare, né da anticipare, non è una corsa. Le corse le fanno i cavalli e, in assenza di questi, i somari. In giro ce ne sono tanti.
Noi vi abbiamo avvisati”.

Related posts

Chieti, convenzione Comune e associazione vittime della strada per controllo del territorio

redazione

Pescara, rissa sul ponte D’Annunzio: arrestato cittadino tedesco 24enne

redazione

La comunità di Giulianello accoglie Don Alfonso Fieni

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy