Politica

Acerbo (PRC-SE): “Fermare la strage di anziani nelle Rsa, evitare che si ripeta ovunque caso Lombardia”

Pescara. “In Lombardia i pazienti delle RSA “muoiono come mosche” a causa del coronavirus ma soprattutto della disattenzione e della disorganizzazione della Regione Lombardia. Si tratta di un’emergenza nazionale.
Lo diciamo da giorni che bisogna intervenire per porre fine a questa strage e occorre farlo non solo in Lombardia perchè in tutte le regioni il rischio è alto e la sciagurata regionalizzazione della sanità non consente un’azione coordinata in tutto il paese.

Rifondazione Comunista chiede a presidenti e giunte regionali di predisporre immediatamente misure indispensabili per salvare le vite dei nostri anziani e tutelare anche la salute degli operatori e dei familiari.

Chiediamo che in ogni RSA

• venga fatto il doppio tampone agli ospiti e a tutto il personale,

• sia attuato un piano immediato di isolamento dei contagiati e di verifica dei loro contatti,

• sia fornito materiale protettivo professionale e sufficiente per la tutela del personale,

• sia garantita ai malati di corona-virus con sintomi lievi il trattamento con i farmaci antivirali e gli altri interventi necessari,

• si trovino immediatamente i letti in ospedale, anche requisendo cliniche private, per chi deve essere ricoverato/a in terapia intensiva”. Si legge così in una nota di Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

Related posts

Pescara, progetto di riqualificazione delle aree di risulta. Masci: “È la volta buona, la gara entro l’anno”

redazione

Duplice presenza al Premio di Sulmona per Sandro Lucio Giardinelli

admin

Francavilla, rinviato il Macondo Festival

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy