Cronaca

Chieti, l’emergenza Coronavirus non ferma le attività del Centro Antiviolenza Alpha Comunale

Chieti. L’Assessore alle Politiche Sociali, Emilia De Matteo, e la Presidente del Centro Antiviolenza Alpha, Marialaura Di Loreto, comunicano che il Centro Antiviolenza Alpha Comunale, nonostante l’emergenza sanitaria in atto, non ha sospeso le proprie attività e continua ad essere vicino alle donne vittime di violenza.

Nel rispetto dell’applicazione delle norme contenute nei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e di tutti gli altri provvedimenti adottati nel corso dell’emergenza epidemiologica Covid-19 le modalità del servizio saranno garantite attraverso il call center nazionale – numero 1522 –.

Le donne che hanno necessità di mettersi in contatto con le professioniste del Centro Antiviolenza del Comune di Chieti possono farlo:

– attraverso la pagina facebook del Centro Antiviolenza Alpha https://www.facebook.com/alpha.cooperativa.sociale/;
– inviando un messaggio su Messenger ad “Alpha Cooperativa Sociale”;
– inviando una email all’indirizzo alphacooperativasociale@gmail.com
– visitando il sito www.alpha.ch.it

Qualora si avvertisse una situazione di rischio per sé o i propri figli e il cellulare fosse controllato dal maltrattante, bisogna contattare le Forze dell’Ordine ai numeri telefonici di emergenza 112 e 113.

«La violenza domestica non è ‘un’emergenza nell’emergenza’ – specifica la presidente del Centro Antiviolenza Alpha, Di Loreto – la violenza, purtroppo, è un fenomeno quotidiano e diffuso, ecco perché il nostro servizio, nonostante il grande momento di difficoltà a causa della diffusione del Coronavirus, resta attivo, come sempre, per le donne che ne hanno bisogno.
Chiamare il numero di emergenza è fondamentale anche per assumere semplici informazioni che possono salvare la vita, soprattutto per quelle donne che, costrette a rimanere nelle proprie abitazioni, vivono situazioni di maltrattamento da parte del partner o da parte di familiari.
Alcuni segnali che aiutano a comprendere meglio la situazione che si vive: se si viene minacciate di violenza o morte, se i figli vengono intimiditi, se il partner prende a calci o a pugni porte e finestre, beve, si droga, giustifica e minimizza la sua violenza, è possessivo o intensifica la sua collera – spiega la Presidente Di Loreto – siamo in presenza di elementi molto preoccupanti ai quali bisogna prestare attenzione perché indicano situazioni di grave rischio di salute fisica e psichica che, di certo, non diminuiscono con la condizione di domicilio forzato di questi giorni».

Related posts

Montesilvano, al via le domande per il rimborso dei libri scolastici

redazione

280 mila pasti per i bisognosi d’Abruzzo grazie a Iper Conad

redazione

Salvatore Parisi, coordinatore regionale Anffas Campania, smentisce la notizia di FP Cgil Salerno: “Siamo già titolari di un nostro contratto rinnovato un anno fa”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy