Cronaca

Scommesse: La ‘Full Monty’ dei bookmaker tra la racchetta del ping pong e quegli agguerritissimi settantenni

Roma. Potremmo definirla la ’Full Monty’ dei bookmaker, costretti a racimolare quote qua e là nel sottoscala dello sport mondiale a caccia di eventi che, invece, non ci sono più. Sì, Full Monty perchè molti degli ’atleti’ protagonisti di questa storia e della lavagna dei bookmaker – addirittura nella pagina d’apertura di alcuni di questi, come nel caso di Sisal Matchpoint che in queste ore ospita diversi eventi – oltre a non essere di rango professionistico e protagonista in circuiti certamente non elitari del tennis tavolo, ricordano proprio i protagonisti del film. E sfoggiano una forma fisico-atletica in alcuni casi assai discutibile. Però, questo è il mondo dello sport in questo momento e la necessità di intrattenere passa per il poco calcio rimasto – Bielorussia, compreso il campionato riserve o le imperdibili partite taiwanesi – e i rimpianti per ciò che non è, speriamo, torni presto. Per dire: domani sarebbe stata una gran giornata di calcio alla vigilia di Pasqua e una manna per chi si diverte con una scommessina: Milan-Juve, Lecce-Lazio e Verona-Inter per lo scudetto, Roma-Parma e Atalanta-Samp per la corsa alla piazza Champions. Giusto per dire. Per non parlare della stagione del grande tennis. E, altro che Federer o Nole Djokovic. No, la racchetta si restringe e si va sul tennis tavolo. Il ping pong. E gli eroi, racconta Agipronews, diventano quelli della Liga Pro russa o della Setka Cup ucraina, o quelli della TT Cup, sempre di scena in Ucraina. Una sorta di campionato di tennis tavolo non certo da elite della pallina ’leggera’. E scorrendo sul sito www.tt-cup.com – c’è lo streaming per chi volesse seguire qualche match – si scoprono 46 pagine di centinaia di atleti di non primissimo pelo, come ad esempio Yuriy Abroskin, classe 1958 e un fisico che definire ’rilassato’ è poco. In ottima forma, invece, il settantenne Valeriy Giletko, 15 tornei alle spalle e agguerritissimo. Dalle foto, si capisce come molti di loro non abbiano sponsor e giocano con un look da domenica di riposo. Altro che tessuti tecnici, scarpe con grip ad hoc e racchette da centinaia di euro. Poi, certo, ci sono i giovani atleti, alcuni molto forti, ma è evidente come si respiri aria di dilettantismo puro. Le classi del torneo, a quanto pare, sono tre: la prima, dal nome assai pretenzioso, si chiama Champions League. Poi c’è la League Masters e la League Athletes. E tutti questi giocatori, dai più giovani ai settantenni, si sono ritrovati sulle lavagne delle quote improvvisamente, al posto di Neymar, Cristiano Ronaldo, Roger Federer, Rafa Nadal, Vettel e Hamilton, con qualche anno e magari un (bel) filo di pancia in più. Ma, che volete farci, questa è la Full Monty dei bookmaker al tempo del Coronavirus. PF/Agipro

Related posts

Pescara, monitoraggio specie faunistiche e floristiche della riserva dannunziana

redazione

Al via la vaccinazione anti Covid-19 a Chieti

redazione

Pescara, completato il recupero del fondo stradale del primo tratto di via Venezia

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy