Cultura e eventi

Pescara, ex Ferrhotel: la scopertura della lapide restaurata a 100 anni dal bombardamento

Pescara. Domani, giovedì 4 maggio, alle ore 11.00, presso l’ex Ferrhotel, si terrà la commemorazione del centenario del bombardamento della Città di Pescara durante il Primo Conflitto Mondiale. Nell’occasione, verrà inaugurata la lapide posta sulla facciata del fabbricato, in ricordo delle vittime del bombardamento, restaurata di recente, grazie al taglio del 20 per cento dell’indennità dell’assessora alle Tradizioni Cittadine Paola Marchegiani. Oggi in Sala Giunta si è svolta la conferenza di presentazione dell’evento che si svolgerà domani in presenza di una scolaresca e dei restauratori.

“Ho voluto restaurare la lapide perché potesse raccontare alla comunità ciò che accadde cento anni fa con il primo bombardamento subito dalla città e in cui persero la vita tre persone – così l’assessora alle Tradizioni Cittadine Paola Marchegiani – Il restauro è stato eseguito da Giorgio Mori, docente della cattedra di Restauro presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila, aiutato da due collaboratori che sono rimasti a Pescara quattro giorni e mezzo per effettuare questo lavoro che ho voluto finanziare con il 20 per cento della mia indennità da assessora. Mi sono impegnata personalmente per restituire alla città qualcosa che gli appartiene, com’è accaduto per il progetto di illuminazione del Museo Cascella, che accenderemo entro maggio e come accadrà anche per lo smontaggio, il trasporto e il recupero della grande opera ceramica di Di Prinzio che si trova davanti all’ingresso delle Naiadi. Tutti questi interventi di restauro vedono impegnata la cattedra del professor Mori e l’Accademia.
Domani saranno cento anni dal bombardamento e io ho voluto celebrarne il ricordo perché questa data sia inserita nelle giornate che la città deve ricordare. La targa restituisce la memoria di quel bombardamento: 5 velivoli austriaci ci colpirono, due le ipotesi del senso dell’operazione. La prima vede la strategia di colpire Piano D’Orta e Bussi dove si producevano materiali per l’industria bellica avversaria. La seconda ipotesi, che mi viene suggerita da Antonio Bini, uno studioso di storia e delle nostre origini, arriva dal francese Gabriel Faure che nel suo libro di viaggi, Pellegrinaggi Italiani, raccontò anche il suo passaggio a Pescara e vide in quelle bombe un’azione contro d’Annunzio e il suo irredentismo.
Le ricerca delle ragioni è compito degli storici, da parte nostra era doveroso far rivivere la memoria di ciò che accadde e delle tre persone che morirono sotto le bombe. Un gesto dovuto anche per sottolineare la lungimiranza e la sensibilità dei concittadini dell’epoca, che dopo il bombardamento si affrettarono a mettere anche quella epigrafe accanto alla lapide dedicata a Battisti.
Un gesto che mi fa venire in mente un momento del libro Cento anni di solitudine, quando a Macondo arriva la malattia del sonno e tutti soffrono d’insonnia: per vincere questo momento di mancanza di memoria, attaccarono agli oggetti dei biglietti perché non fossero vinti dall’oblio. Il restauro dell’epigrafe a cento anni dai fatti che essa ricorda, può essere considerata come uno dei bigliettini che aiutarono gli abitanti del villaggio di Gabriel Garcia Marquez a tenere viva la propria memoria”.

Related posts

Precisazioni di Tua Spa sul mancato riconoscimento degli abbonamenti da parte di Prontobus

admin

Pescara ko a Bergamo, l’Atalanta si impone 3-0

admin

“Famiglia e politica al tempo dell’individualismo”, dibattito a Silvi Marina

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy