Politica

Famiglie bisognose in Campania, D’Avenia: “Serve una strategia per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio”

In Italia più di 100 mila le famiglie bisognose di cui 20% campane

Napoli. A quasi un mese dall’inizio della Fase 2, è tempo per l’Italia fare i conti con i contraccolpi economici della pandemia di Covid-19.

Come già indicato dall’ultimo rapporto dell’Istat sugli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile, infatti, si contano più di 100 mila famiglie italiane bisognose di cui il 20% in Campania.

La nostra Regione risulta essere, quindi, una vera e propria polveriera in cui, non ci sono soltanto i lavoratori forzati alla cassa integrazione che non hanno ancora ricevuto i soldi, ma è presente anche un alto tasso di chi ha lavorato sempre nell’ombra, quella nera del lavoro sommerso. Infatti, i lavoratori in nero campani, secondo l’ultimo bilancio stilato all’esito di un anno di controlli ad opera delle forse dell’ordine, conta ben il 60% e, rapportandolo alle stime economiche, rappresenta il 10% del Pil regionale.

È indubbio, che dinanzi a tali numeri, si abbia la necessità di elaborare una visione unitaria in grado di implementare una strategia appropriata per uno sviluppo economico e sociale orientato alla sostenibilità, proprio come proposto dal Vice Segretario regionale Centro Democratico, Giovanni D’Avenia:

«L’emergenza sanitaria di Covid-19, che negli ultimi mesi ha fatto salire di oltre un milione i nuovi poveri in Italia, ha provocato una forte crisi economica e sociale soprattutto nella regione Campania. La pandemia ha reso ancora più estreme le condizioni di vita di alcuni nostri concittadini, molte famiglie, infatti, sono rimaste senza reddito e alcuni stanno patendo la fame. A tal proposito, con la collaborazione del banco alimentare e delle associazioni “Più Sud” e “Super Sud”, ho ritirato personalmente, come ogni mese, tanti pacchi alimentari da donare alle persone bisognose. È un momento difficile per la nostra comunità ed è necessario compiere uno sforzo per migliorare la situazione».

Un impegno comune per il tessuto sociale campano, quindi, oggi costretto a fare i conti con una grave crisi economica scaturita dall’emergenza sanitaria e dal conseguente diffondersi di sacche di povertà e disagio in cui le istituzioni ricoprono un ruolo centrale al fine di migliorare la situazione attuale concependo piani di rilancio dell’economia volti a mitigare le problematiche economiche e lavorative esistenti.

Related posts

Pescara, messa in sicurezza scuole: sì della giunta a ulteriori interventi per 400.000 euro

redazione

Pescara, ragazzi ciceroni al Museo Cascella

admin

Disorder, festival delle culture indipendenti sarà di scena dall’8 all’11 agosto

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy