Sui sentieri della bellezza

L’arte al tempo del coronavirus

di Massimo Pasqualone

Sei artisti, sei modi di interpretare il tempo delle emozioni in un tempo sospeso e di meditazione.
Patricia Mabel Rossetti è docente di Smalto, Microfusione e Oreficeria, miniaturista ed eclettica nella fotografia. Nel 2012 frequenta l’Università degli Studi Europea di Roma e Congregatio De Cultu Divino Et Disciplina Sacramentorum (Arte Sacra Cristiana e Conservazione dei Beni Culturali). Opere: “Sanctus Sebastianus”, trittico sito nella Chiesa San S. Martire – Paterno di Avezzano – AQ; “Crocifisso”, tavola sagomata dipinta, sospesa in aria sull’altare, nella Chiesa dello Spirito Santo Avezzano AQ. È stata selezionata per la Biennale D’Arte Internazionale di Roma 2020. Numerose sono le mostre personali, collettive, premi, riconoscimenti e pubblicazioni anche a Padova, Chieti, Ferrara, Vicenza, Novara, Spagna e Francia.
Chiara Pompei nasce nel 1988 a Chieti, ha conseguito la maturità presso l’istituto “G. Marconi” a Pescara con indirizzo socio-psicopedagogico. Appassionata e incuriosita fin da piccola dal mondo dell’arte, intraprende un corso di studio nella scuola d’arte “Compagnia dei pittori” con il maestro Marco Pompei. Partecipa a diverse mostre collettive al “Museo delle Genti d’Abruzzo” di Pescara; “Museo del lupo” di Pretoro; “Museo Barbella” di Chieti; “Palazzo dei Capitani” di Ascoli Piceno; “Fortezza Spagnola” di Civitella del Tronto; Centro de arte Canario “Casa Manè”; Blankeberge in Belgio e presso la “Galleria Fogolino” di Trento. Nel 2017 partecipa al premio “ut pictura poesis” di Firenze e vince insieme alla scuola d’arte “Compagnia dei pittori” il primo premio Città di Firenze per la sezione pittura.
Antonella Pirozzi è un carattere libero che sceglie di esserlo anche nell’arte, dando vita a un suo personalissimo stile che riesce a conquistare attraverso la delicatezza dei colori e del racconto per immagini delle emozioni più lievi, ma anche solide, nel desiderio e nella memoria di chi guarda le sue opere. Nel corso della sua carriera ha partecipato a numerose collettive e personali in Italia. Molti suoi dipinti si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia ed all’estero.
Maria Luisa Panella sperimenta varie tecniche, vari colori, varie modalità espressive. La ricerca artistica di Maria Luisa Panella è in continuo movimento: nasce a Tarcento (UD), la Perla del Friuli, parte quindi dalle Alpi Friulane, dai boschi, fiori, elfi e ninfe dalle parvenze umane, ed arrivata a Grottammare (AP), la Perla dell’Adriatico, con mari, conchiglie, grotte misteriose e creature marine. Anche questo porta Maria Luisa Panella ad avere una sensibilità particolare verso tutto ciò che concerne il creato, la vita e l’ambiente. Sulla costa marchigiana si trova al fianco del Maestro Mario Lupo che l’accompagna nel mondo degli eventi artistici di rilievo. Partecipa a diverse mostre ed eventi, con diversi riconoscimenti anche a livello nazionale e internazionale.
Matilde Menicozzi nasce a Grottammare dove vive e lavora. Svolge una intensa attività pittorica con numerose mostre personali e partecipa a collettive ed estemporanee, ottenendo premi e riconoscimenti. Realizza progetti grafici ed editoriali e svolge la sua attività in Italia e all’estero. Crea, dal 2009, un calendario artistico di grande successo e diffusione. Passa dalla tecnica ad olio ad altre forme di ricerca pittorica su vetro, stoffa e ceramica fino ad arrivare all’acquerello, con il quale oggi si esprime con maestria e sicurezza. Il suo lavoro va dal figurativo all’astratto e conquista per la freschezza e l’originalità.
Laura Macari, appassionata da sempre di disegno e pittura oltre che di arte moderna e contemporanea, ha cominciato nel 2009 a frequentare il corso condotto dal maestro Domenico Cancelli ed ha poi proseguito l’esperienza con l’artista Gianluca Bosello. Le tecniche finora più utilizzate sono quelle dell’acrilico e dell’olio su tela ed i soggetti preferiti sono le figure umane, ed ha partecipato a diverse mostre collettive organizzate dall’ADARC, di cui è socia, oltre che a qualche estemporanea.

Related posts

La poesia al tempo del coronavirus: sei visioni e previsioni della parola

redazione

Aldo Aimola, nella patria di Modesto

redazione

La poesia al tempo del coronavirus: sei visioni e previsioni della parola

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy