Cronaca

Alla “d’Annunzio” una nuova laurea “green”

Chieti. E’ “green”, con una qualificata attenzione verso l’ambiente, il nuovo Corso di Laurea triennale in “Tecnologie Eco-sostenibili e Tossicologia ambientale” (TESTA), attivato recentemente presso l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Appartiene alla Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Farmaceutiche (L-29) coordinate dal Dipartimento di Farmacia dell’Ateneo. L’ammissione a questo Corso di Laurea è a numero programmato, fino ad un massimo di 180 iscritti. La graduatoria di merito per l’ammissione verrà stilata secondo il voto di Diploma di Scuola Secondaria di secondo grado e terrà conto, a parità di voto, dell’ordine cronologico di presentazione della domanda di iscrizione. Il CdL “TESTA” prepara alla professione di: Operatori tecnici nel settore delle analisi chimico-tossicologiche e della produzione e controllo dei processi chimici; Tecnici nel settore della sostenibilità ambientale, della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale; Tecnici nel settore chimico-farmaceutico e Tecnici di laboratorio biochimico e di prodotti alimentari. Gli sbocchi occupazionali riguardano prevalentemente il controllo chimico-tossicologico e tossicologico a tutela della sicurezza ambientale, alimentare e industriale con particolare riferimento all’economia circolare. I futuri laureati “TESTA” potranno inoltre iscriversi all’Albo dei Chimici (Sezione B) previo superamento del relativo Esame di Stato.
<L’obiettivo formativo del laureato “TESTA” – spiega la professoressa Ivana Cacciatore, responsabile del Gruppo Assicurazione di Qualità del Corso di Laurea in “Tecnologie Eco-sostenibili e Tossicologia ambientale” – è quello di contribuire alla formazione culturale e scientifica per la salvaguardia dell’ambiente, al fine di ottenere un miglioramento delle condizioni di salute della popolazione. Questo nuovo Corso di Laurea – sottolinea la professoressa Cacciatore – è il primo a garantire l’acquisizione di competenze in accordo con le più moderne linee-guida fornite dalla “European Medicine Agency”, relative all’obbligatorietà della valutazione del rischio ambientale al fine di ottenere l’autorizzazione all’introduzione sul mercato dei medicinali a uso umano>.

Related posts

Chieti, via Madonna degli Angeli: al via i lavori di ripristino del cedimento stradale

redazione

Pescara: la Polizia trova oltre 1 kg di eroina in villetta abbandonata

redazione

25esimo Episcopato vescovo Bregantini, celebra Nunzio Apostolico in Italia Tscherrig

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy