Politica

Chieti Arcobaleno: i candidati Diego Ferrara e Bruno Di Iorio sottoscrivono i sei punti per una città più inclusiva

Chieti. La campagna Chieti Arcobaleno promossa dall’Associazione Arcigay Chieti si conclude con la conferenza stampa con i due candidati sindaco che hanno sottoscritto le sei proposte per rendere la città di Chieti più inclusiva e più libera.
Dei cinque candidati sindaco solo due di loro hanno sottoscritto l’impegno delle sei proposte promosse dall’Associazione teatina. Il candidato sindaco Diego Pietro Ferrara e Bruno di Iorio si sono impegnati, dopo anche un incontro di approfondimento con l’associazion, nella realizzazione delle sei proposte per una Chieti arcobaleno: adesione alla rete RE.A.DY (la rete italiana delle Regioni,Province autonome ed enti locali impegnati a prevenire contrastare e superare le discriminazioni basate su orientamento sessuale e identità di genere), adozione di due nuovi comma nel regolamento di Polizia Urbana a contrasto di discriminazioni di sesso, razza, lingua, religione, disabilità, opinioni politiche e orientamento sessuale e identità di genere, utilizzo della neutralità di genere nel linguaggio usato dal Comune di Chieti, il patrocinio gratuito del Comune di Chieti a eventi della comunità LGBTI+ di rilevanza culturare e sociale (Giorno della memoria, Giornata internazionale contro omofobia, bifobia e trasfobia, Giornata mondiale contro l’AIDS), concessione di una sede per le associazioni LGBTI+ come luogo di socializzazione e fermento culturale per tutta la collettività.
E’ importante per tutte le persone LGBTI+ vedere candidati sindaco che pongono tra gli obiettivi del proprio mandato anche la lotta per i diritti civili ancora negati, il contrasto all’omolesbobitransfobia che torna a tingere le pagine di cronaca nazionale; un impegno che scardina quel processo di invisibilizzazione a cui troppo spesso nelle precedenti amministrazioni le persone LGBTI+ teatine sono state sottoposte.
I due candidati sindaco commentano così la loro adesione alla campagna Chieti Arcobaleno. “Vogliamo da sempre una società giusta perché guarda ai dititti di tutti, egualitaria nei fatti e non solo nelle dichiarazioni di principio, inclusiva in quanto non possiamo permetterci di perdere neanche una delle sue ricchezze.” dichiara il candidato sindaco Diego Pietro Ferrara e continua “Eppure ancora oggi la società continua a creare diversi da additare. A due giorni dalla tragedia della morte di Maria Paola Gaglione, urliamo no a ogni forma di omotransfobia e di discriminazione.”.
“La scelta di aderire a questa rete nasce dall’importanza che noi diamo alla persona nella sua interezza” dichiara invece il candidato sindaco Bruno Di Iorio e continua “Noi crediamo in un mondo dove la persona è al centro nella sua totalità; crediamo nella dignità della persona e nei diritti non negoziabili. Per questo auguriamo all’Arcigay di portare avanti, nella libertà e nel rispetto dell’altro, l’altro da me, la reciprocità tra un mondo che sembra lontano ma che è invece vicino, perchè anche nelle diversità fisiche ed etniche e nelle diversità di orientamento religioso, politico, sessuale siamo tutti parte integrante di questa splendida terra che è il mondo, e che è, anche, la nostra bellissima Chieti.”. Convinti e convinte dell’impegno preso dai candidati sindaco per una chieti arcobaleno, la strada dei diritti delle persone LGBTI+ teatine prosegue.

Related posts

Cinema: nelle sale dell’Abruzzo arriva Top Gun 3D

admin

Maurizio De Giovanni a Rivisondoli: il celebre autore incontra i suoi lettori

admin

Popoli, Vanessa Combattelli: “Mortificare il Distretto significa andare contro le aree interne”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy