Cultura e eventi

I colori di Gentili approdano a Pesaro. Soddisfazione espressa dal critico Massimo Pasqualone

Pesaro. “Dopo tanti anni, mi fa piacere tornare nuovamente a Pesaro, città dove ho trascorso un anno di leva militare, nell’anno in cui l’Italia di Bearzot vinse i campionati del mondo. Ricordo le passeggiate sul lungomare e nei pressi di casa Rossini; presi in affitto una stanza all’interno di una casa di una anziana signora per poter continuare a dipingere e a leggere anche durante il periodo militare. Quindi, un “pizzico” di influenza artistica è comunque interconnessa anche alla città di Pesaro. Con queste parole, Carlo Gentili “presenta” il suo ritorno artistico a Pesaro, grazie all’artista Alessandro Nani Marcucci Pinoli.

Dopo le promozioni effettuate a Forte dei Marmi, Dusseldorf, Matelica, Pescara e Fuerteventura insieme a Massimo Pasqualone, il libro di Carlo Gentili “Diarmonia, la compresenza degli opposti” , infatti, verrà presentato il prossimo 16 ottobre a Pesaro nei prestigiosi locali dell’Hotel Alexander, lungomare della città adriatica.

Esposta in Cina, Germania, USA, Spagna, Austria, Svizzera, Roma, Venezia, Taranto, l’arte del pittore verrà presentata per la prima volta nella città di Rossini. Parole di elogio sono state espresse dal critico Massimo Pasqualone

L’evento affronterà le tematiche, le motivazioni, i risvolti narrativi, la poetica, i principi estetici dell’artista, raccolti in un libro da collezione a tiratura limitata.

“La mia arte rappresenta un ponte di comunicazione creativa tra gli uomini – Precisa l’autore – ed ha come base l’impegno civile ed il rispetto verso l’uomo, l’ambiente, la natura ed il mondo animale. Sono lieto di presentare la mia arte a Pesaro grazie ad un libro da collezione”. La prima edizione del libro è praticamente agli sgoccioli e già si sta preparando una ristampa creativa con grandi cambiamenti all’interno.

Related posts

Il Comune di Chieti aderisce al progetto “Sibilla”

admin

A Pescara, le finali nazionali di calcio Uisp

admin

Il festival “La cultura dei Legami” presenta “Sciaboletta”, la storia della fuga del re Vittorio Emanuele III passando per l’Abruzzo

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy