Sport

Alessio Tombesi: “Così non si può andare avanti”

Ortona. La Tombesi non scenderà in campo domani, per la seconda volta in tre giornate di campionato: la causa è la possibile positività di un membro del gruppo squadra del Rutigliano. L’ufficialità del rinvio ha spinto il presidente Alessio Tombesi a rilasciare le seguenti dichiarazioni:

«Mi sembra del tutto evidente che in questo modo non si possa più andare avanti. Naturalmente sappiamo di muoverci all’interno di una situazione nazionale e internazionale oltremodo complessa e siamo consapevoli degli enormi problemi che questo maledetto Covid sta procurando a tutti noi. Detto questo, non è possibile rinviare una partita perché un membro del gruppo squadra, quindi non un giocatore, forse è positivo al virus. Precisando che il mio discorso non è rivolto nello specifico contro il Rutigliano, ma vuole essere più generale, il sospetto di positività immagino derivi da un test sierologico positivo. Ora, poniamo un esempio: nel gruppo squadra della Tombesi abbiamo due persone che hanno entrambe avuto il Covid; il giorno in cui noi, alla vigilia di una partita, magari accorgendoci di essere con gli uomini contati per infortuni e squalifiche, volessimo farla rinviare, ci basterebbe far fare un sierologico a una di quelle due persone, e di fronte alla sicura positività chiedere e ottenere il rinvio. È evidente che non si può più andare avanti così: le gare devono essere rinviate solo se ci sono casi certi di positività, attestati da un tampone.

Purtroppo, la mia sensazione è che molte società stiano cercando di nascondere le loro difficoltà economiche dietro l’emergenza sanitaria. Alcune vorrebbero far concludere anzitempo la stagione, e sospetto che lo facciano unicamente perché sono finiti i soldi, ma mascherano la loro volontà dietro le positività, spesso nemmeno da tampone, ma da sierologico. La crisi economica è sotto gli occhi di tutti, non c’è da vergognarsi se in questo momento si decide di concentrare i propri soldi in altri ambiti e verso altri interessi, ma almeno che ci sia chiarezza! Chi non vuole più partecipare, chi ha finito i soldi, faccia un passo indietro e permetta a chi invece ha già investito somme importanti di continuare a giocare, almeno fino a quando il governo ci permetterà di farlo.

Tutta questa confusione è figlia, purtroppo, dello stato di totale abbandono in cui versa il futsal nazionale. Da quando Montemurro ha lasciato il suo incarico presidenziale, e quindi ormai da otto mesi, le società di calcio a 5 italiane sono prive di una guida, di un punto di riferimento. Eppure la Divisione è sempre presente quando si tratta di intascare i soldi delle iscrizioni, e non solo quella della prima squadra, ma anche quelle per i campionati giovanili. L’Under 19 e l’Under 17 probabilmente non inizieranno nemmeno le rispettive stagioni, però noi le quote di iscrizione le abbiamo già versate. Ci rimborserà la Divisione? E a chi dovremo rivolgerci? All’ennesimo commissario? O magari a chi vincerà il ricorso contro il commissario?

Se questa stagione deve proseguire occorrono regole certe, come è stato fatto per altri sport di squadra al chiuso, come il basket e la pallavolo, solo noi siamo lasciati alla deriva. Servono regole chiare sui tamponi e sarebbe bene, lo ripeto, che le squadre che non hanno più voglia o che non possono proseguire, si facciano da parte. Chiedo tutto questo per rispetto non solo nei confronti del sottoscritto e del vicepresidente Nicola Barone che, nonostante tutto, buttiamo ancora soldi in questo sport, ma soprattutto dei miei dipendenti e dei ragazzi che giocano alla Tombesi e che, in molti casi, vivono di quello che per loro è un lavoro a tutti gli effetti».

Related posts

Lanciano, cresce il settore femminile Azzurra Basket

redazione

Per la prima volta al Di Poppa di Teramo una tappa di Special Olympics

redazione

Buoni segnali dalla Connetti.it

redazione

Leave a Comment