Cultura e eventi

Carla Tiboni ricorda Gigi Proietti

Pescara. “Increduli per l’improvvisa morte del Maestro Gigi Proietti, vorremmo ricordarlo con il sorriso e la grande professionalità espressa in ogni ruolo recitato.
Attore di teatro, cinema, televisione, doppiatore e comico di rango all’occorrenza. Ma sopratutto un uomo di cultura, caratteristica che emergeva dall’enorme presenza scenica che possedeva.
Il Premio Flaiano gli fu consegnato nel 1993, per la miglior interpretazione nel film “Un figlio a metà” e nel 2000 sezione teatro, per l’interpretazione “I dialoghi di Platone”.
Quando salì sul palco per ritirare il Premio vi fu una standing ovation del pubblico, spontanea ed immediata a conferma di quanto le persone amassero questo straordinario mattatore.
Molti giovani attori, tra cui anche Lino Guanciale, si sono formati alla scuola di Gigi Proietti, un maestro di recitazione che insegnava anche cosa volesse dire fare il mestiere di attore”. Si legge così in una nota di Carla Tiboni, presidente dei Premi Internazionali Flaiano.

Related posts

“Come fosse l’ultimo istante”, Alfredo Scogna presenta cd e libro. L’intervista

francescorapino

“Giulietta”, il nuovo singolo di Giordano Joe

redazione

Cesare Dell’Anna e Roberto Ottaviano protagonisti dei due concerti della III edizione del “Roca Nuova Jazz Festival”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy