Politica

Coronavirus, tanti giovani medici non possono lavorare per colpa della burocrazia. L’Udc Abruzzo chiede di sbloccare la situazione

L’Aquila. “Il Coronavirus dovrebbe rappresentare l’occasione per assumere medici e infermieri e invece l’emergenza non consente di far assorbire forze fresche per il Sistema sanitario nazionale, già carente e stressato di per sé e ancor più messo a dura prova dalla pandemia”. E’ quanto dichiara il Segretario regionale dell’UDC, Enrico Di Giuseppantonio, che interviene a sostegno dei giovani medici, costretti a stare in panchina per la burocrazia. Vincitori del concorso di specializzazione svoltosi il 22 settembre scorso, di fatto sono bloccati a causa dei diversi ricorsi e dagli stop decretati. In 14 mila in tutta Italia dovrebbero poter entrare nelle scuole e nelle corsie per fare pratica, ma tutto è fermo. Una situazione incredibile nonostante il Paese sia nel pieno della seconda ondata Covid e in molti ospedali ci sia carenza di personale. “Sono medici e hanno le competenze per poter dare un contributo importante in questa emergenza – aggiunge Di Giuseppantonio -. Il loro ingresso favorirebbe tra l’altro un ringiovanimento più che mai necessario, tenendo conto che attualmente in Italia vi è una voragine di 56 mila medici che mancano all’appello. L’UDC quindi farà sentire la sua voce attraverso i suoi esponenti a tutti livelli perché questo problema venga superato quanto prima”.

Related posts

Pescara, per Docudì “Fuorigioco” di Domenico Rizzo e Davide Vigore VIDEO

admin

Il grande balletto classico a Teramo e Gessopalena con Serata Romantica del Balletto del Sud

admin

Pescara, Pignoli (Udc): “800 richieste per i buoni spesa del Comune in un solo giorno: dato allarmante”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy