Economia

BPER Banca, l’assemblea straordinaria approva modifiche statutarie

Approvata la proposta del Consiglio di Amministrazione di modifica degli articoli 5, 11, 14, 17, 18, 19, 20, 22, 24, 27, 28, 29, 31, 32, 33, 34, 36, 37 e 45 dello Statuto sociale; di abrogazione degli articoli 21 e 23 e di inserimento del nuovo articolo 28, con conseguente rinumerazione degli articoli dello Statuto sociale

Modena. BPER Banca S.p.A. (“BPER”) comunica che, in data odierna, l’Assemblea straordinaria dei Soci, riunita in Modena in unica convocazione, secondo le modalità previste dall’art.106, comma 4, del D.L. 17 marzo 2020 n.18, convertito con Legge 24 aprile 2020 n. 27, ha deliberato sull’unico argomento all’ordine del giorno di cui all’avviso di convocazione pubblicato in data 29 dicembre 2020.

L’Assemblea dei Soci ha approvato, con il 96,40% dei voti espressi corrispondenti al 50,00% del capitale sociale complessivo, la proposta del Consiglio di Amministrazione concernente la modifica degli articoli 5, 11, 14, 17, 18, 19, 20, 22, 24, 27, 28, 29, 31, 32, 33, 34, 36, 37 e 45 dello Statuto sociale; l’abrogazione degli articoli 21 e 23 e l’inserimento del nuovo articolo 28, con conseguente rinumerazione degli articoli dello Statuto sociale.

Le proposte di modifica dello Statuto erano state autorizzate da Banca Centrale Europea (“BCE”), in data 15 dicembre 2020, con il rilascio del provvedimento di accertamento ex artt. 56 e 61 del D.Lgs. 1 settembre 1993 n. 385 (TUB).

Le disposizioni introdotte nello Statuto riguardano principalmente:

– l’adozione di un criterio di elezione del Consiglio di Amministrazione di natura proporzionale, fondato sul metodo dei “quozienti”;
– una soglia di “accesso al riparto” in modo tale che, ferma l’esigenza di legge di assicurare alla prima lista di minoranza la possibilità di esprimere almeno un Amministratore, le altre liste di minoranza concorrano alla nomina del Consiglio solo qualora abbiano ottenuto voti almeno pari al 5% del capitale con diritto di voto;
– l’introduzione di limiti al collegamento tra liste, rafforzati rispetto a quelli applicabili ai sensi della normativa, al fine di assicurare l’effettiva rappresentanza delle minoranze azionarie in seno all’organo di amministrazione e di impedire al tempo stesso che, per effetto del sistema proporzionale, liste di minoranza tra loro collegate si trovino ad esprimere la maggioranza consiliare;
– una deroga al sistema proporzionale sopra descritto qualora la lista risultata prima per numero di voti, purché contenente un numero di candidati pari o superiore alla maggioranza dei consiglieri da eleggere, abbia ottenuto il voto favorevole di più della metà del capitale avente diritto di voto;
– l’eliminazione della facoltà del Consiglio di Amministrazione uscente di presentare una lista di candidati per l’elezione dell’organo amministrativo.

Ulteriori variazioni attengono, tra l’altro:

– l’eliminazione della figura del Presidente onorario;

– la modifica dell’assetto degli organi deputati all’azione esecutiva, rendendo facoltativa la nomina del Comitato esecutivo e rimettendo pertanto al Consiglio di amministrazione l’assunzione della determinazione circa l’istituzione di tale organo;
– la riduzione della composizione numerica del Collegio sindacale, passando dall’attuale numero di 5 (cinque) Sindaci effettivi al numero di 3 (tre).

A commento dell’evento odierno il Presidente del Consiglio di Amministrazione Pietro Ferrari osserva: “La riforma statutaria deliberata segna un importante passo nel percorso evolutivo del sistema di governo societario della Banca. In particolare la scelta di attribuire alle varie componenti dell’azionariato una rappresentanza nell’organo di governo della società proporzionale al numero di voti conseguiti in Assemblea permetterà di ampliare ulteriormente la pluralità di posizioni e di punti di vista presenti in Consiglio di Amministrazione, a tutto beneficio di un miglior perseguimento dell’interesse della Banca e di tutti i suoi stakeholders. E’ motivo di soddisfazione constatare come le valutazioni che hanno ispirato l’intervento del Consiglio di Amministrazione siano state condivise in modo oltremodo significativo dalla base sociale, che, pur con le attuali restrizioni imposte dalla pandemia, ha inteso oggi prendere parte in misura ragguardevole all’Assemblea, esprimendo un larghissimo consenso sulle modifiche statutarie proposte. Il nuovo articolato statutario, già oggetto della prescritta autorizzazione, rilasciata da BCE, verrà ora iscritto nel Registro Imprese e potrà così trovare applicazione già in occasione del prossimo rinnovo delle cariche sociali, previsto per l’Assemblea di approvazione del bilancio dell’esercizio 2020”.

Related posts

Gruppo BPER, approvato il Bilancio di Sostenibilità

redazione

Federmanager Abruzzo e Molise: Vincenzo Gervasi nel Cda nazionale di Previndai

redazione

All’imprenditore Gianluca Salvatore il “Riconoscimento speciale alla carriera” del Gran Premio Internazionale di Venezia

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy