Politica

Il centenario del Partito Comunista Italiano nella rubrica di Michele Fina

L’Aquila. Il 44esimo incontro della rubrica curata da Michele Fina “Un libro, il dialogo, la politica” è stato dedicato al centenario del Partito comunista italiano. Punto di partenza il libro “1921. Resoconto di una scissione” (autori vari) curato da Pierluigi Regoli, esperto di politiche culturali. Oltre a Fina e Regoli sono intervenuti nel corso del dialogo Graziella Falconi (pubblicista e saggista), Valdo Spini (presidente Fondazione Circolo Rosselli), Andrea Catena (dirigente nazionale del Partito Democratico).

L’incontro è stato aperto da Fina con un pensiero dedicato al dramma dei quattro escursionisti dispersi sul Monte Velino. Fina stesso ha sottolineato che il libro “ha molti meriti. In questo periodo vediamo pubblicati molti lavori sul centenario del Partito comunista ma questo è propedeutico a tutti, perché è il resoconto di quel Congresso, parola per parola e rumore per rumore”.

Per Regoli “è evidente che questo centenario per alcuni è lo spunto per una celebrazione, per altri di critica. Per questo è importante avere contezza del dibattito che ci fu al Congresso del Partito socialista, da cui la frazione comunista si mosse per fondare il nuovo partito. Ho ritrovato un resoconto che risale al 1962/1963, l’ho digitalizzato per avere una base su cui ragionare assieme. Gli ospiti di questo dialogo hanno focalizzato alcune questioni”.

Falconi quella che attiene al ruolo delle donne: “La condizione delle donne in Italia era all’epoca molto più arretrata rispetto ad altri Paesi più industrializzati e con una unità nazionale di più lunga data. La marcia verso l’emancipazione è stata molto difficile. Il Movimento operaio non era avulso da questa realtà, le donne erano una minoranza e tale rimangono anche nell’evoluzione del Partito comunista nei decenni successivi”. Catena ha approfondito la questione dei giovani: “Il Congresso di Livorno non fu tanto una rottura tra massimalisti e riformisti, piuttosto la rottura ci fu sull’espulsione dei riformisti, e su un piano generazionale e culturale. L’idea di partito dei Gramsci, Terracini e Togliatti era molti diversa da quella dei socialisti, sia massimalisti che riformisti”.

Nell’intervento di Spini anche una riflessione sulle ragioni di una così ingente pubblicazione di libri in occasione del centenario del Partito comunista italiano: “Si ritrovano in quel passato le radici di una passione politica di cui oggi sentiamo il bisogno. Al di là dei meriti e dei demeriti è questo che ci riguarda, nel momento in cui siamo di fronte a processi di separazione tra cittadini e istituzioni e di decomposizione delle forze politiche”.

La registrazione del dialogo è disponibile qui https://www.facebook.com/michelefina78/videos/849560232260681/

Related posts

Teatro Studio Lanciano: in scena la commedia ‘Ditegli sempre di sì’

admin

Dismissione sede TUA Chieti, chiesto un incontro con presidente Marsilio e vertici azienda

redazione

Pianella: al via il portale dell’e-commerce dell’area vestina

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy