Cronaca

Prevenzione diffusione Covid-19, la “d’Annunzio” di Chieti-Pescara capofila in uno studio internazionale condotto in 23 Paesi

Chieti. L’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara è capofila di uno studio internazionale condotto in 23 Paesi in diversi continenti (Europa, nord e sud America, Asia, Australia) sugli antecedenti dei comportamenti che possono ridurre la diffusione del COVID-19. Lo studio, che ha ricevuto un finanziamento dalla “European Association of Social Psychology” ed è stato supportato anche dall’agenzia di comunicazione “Pomilio Blumm”, ha coinvolto un ampio gruppo di ricerca a livello internazionale. Responsabile principale dello studio è il professor Stefano Pagliaro, docente di Psicologia Sociale presso il Dipartimento di Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche della “d’Annunzio” ed esperto dei temi della moralità e della fiducia. Il professor Pagliaro condivide la responsabilità scientifica del progetto con la professoressa Simona Sacchi e il professor Marco Brambilla dell’Università di Milano-Bicocca e la professoressa Maria Giuseppina Pacilli dell’Università degli Studi di Perugia.
Lo studio, frutto di questa estesa collaborazione internazionale, di cui l’Università “Gabriele d’Annunzio” Chieti-Pescara è il vertice, è ora in corso di pubblicazione sulla rivista “PLOS ONE” e può essere consultato al link: https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0248334.

<In attesa dello sviluppo di cure efficaci e degli effetti positivi dei vaccini contro il Sars-Cov-2 – spiega il professor Stefano Pagliaro – la modifica dei comportamenti individuali è fondamentale per rallentare la diffusione del virus. Il nostro studio ha inteso comprendere quali fattori determinassero la messa in atto di comportamenti che non solo mirano a ridurre la diffusione del virus, ma rappresentano anche un prendersi cura degli altri. I dati mostrano che la fiducia nelle istituzioni, negli altri cittadini e in modo particolare nella scienza si legano alle intenzioni di mettere in atto questi comportamenti, molto più di quanto facciano i numeri reali della diffusione della pandemia. Questi risultati possono fornire spunti importanti per la diffusione di messaggi istituzionali legati alla salute. La nostra capacità di lavoro in sinergia con tanti e tanto importanti centri di ricerca internazionali del nostro settore – sottolinea il professor Stefano Pagliaro – collocano l’Università “Gabriele d’Annunzio” in una posizione di grande prestigio scientifico a livello internazionale>.

Related posts

Incendi lungo la Costa dei Trabocchi, identificato l’autore che ha scatenato le fiamme a Torre Pizzis di Ortona

redazione

San Giovanni Teatino supera il 70% di raccolta differenziata

redazione

Visita di Schael ai servizi territoriali di Chieti città

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy