Politica

Arresti Pescara, Pd: “Inquietudine e condanna, Asl si costituisca parte civile”

Pescara. “Destano inquietudine le notizie degli arresti di Pescara a seguito di indagini su una gara indetta dalla Asl”: inizia così la dichiarazione di Michele Fina e Nicola Maiale, segretari regionale e provinciale del Partito Democratico.

Per Fina e Maiale “la Regione Abruzzo dovrebbe aprire una fase di profonda riflessione sulla gestione della ASL pescarese, chiamata ad un profondo rinnovamento, specie in una fase così delicata per il nostro sistema sanitario. La Asl dovrebbe innanzitutto costituirsi parte civile, a tutela della propria immagine, dell’impegno di medici e sanitari in prima linea nell’emergenza pandemica, della dignità degli utenti, specie di quelli più fragili. Inquieta soprattutto registrare il fatto che il dirigente sanitario principale indagato è stato tra i candidati al Consiglio regionale nella lista del partito del presidente della Regione. Una circostanza che fa il paio con le indagini e le misure cautelari che hanno travolto i vertici dell’amministrazione comunale di Celano. In entrambi i casi vale naturalmente il principio della presunzione di innocenza, ma il malcostume che emerge dagli atti è già da adesso, ancora una volta, da condannare con fermezza, anche perché nel caso di Pescara riguarda persino le restrizioni anti – Covid, che poveri, normali abruzzesi e italiani hanno sofferto e soffrono ancora molto per rispettare”.

Related posts

Emergenza urgenza a Lanciano, Taglieri: “Una spirale di disservizi tra ospedale depotenziato e ambulanze a mezzo servizio”

redazione

Sanità, Marcozzi: “La giunta tace 66 milioni di perdita delle Asl e toglie fondi per l’Ospedale di Chieti”

redazione

Decio Terrana (Udc): “Pescatori siciliani sequestrati in Libia, Di Maio per una volta faccia il suo Lavoro”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy