Politica

Pescara, Rapposelli (Fratelli d’Italia) su Commissione per screening di massa studenti con riapertura scuole

Pescara. “Sono ben 4.096 gli studenti delle scuole medie di Pescara che sabato e domenica prossimi, 10 e 11 aprile, verranno sottoposti allo screening di massa anti-Covid 19 negli spazi adiacenti la stazione ferroviaria di Porta Nuova. A organizzare l’attività è stata, ancora una volta, l’amministrazione comunale di Pescara, attraverso l’assessore delegato e vicesindaco Gianni Santilli, di concerto con la Asl, tramite la dottoressa Mazzocca, e con tutti i dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi, che si occuperanno personalmente di chiamare le famiglie e di convocarli nelle ore e giorni stabiliti, in modo da scongiurare qualunque ipotetico rischio di assembramenti. Nel fine settimana successivo ripeteremo l’operazione con gli studenti delle scuole primarie, ovvero le elementari, e nel frattempo il Comune sta coadiuvando la Provincia di Pescara nell’organizzare un identico screening di massa per tutti gli studenti degli Istituti superiori. Nel frattempo abbiamo ufficialmente proposto la predisposizione di un servizio di screening periodico, ma costante, fisso, da riservare agli studenti, non necessariamente coincidente con riaperture o chiusure delle scuole, in modo da poter monitorare in modo continuo la situazione”. Lo ha detto il Presidente della Commissione Pubblica Istruzuione ed Edilizia scolastica Fabrizio Rapposelli al termine della seduta che ha visto la partecipazione della dirigente Alessandra Di Zio, al fine di fissare dei paletti operativi a fronte della riapertura delle scuole dopo il rientro di Pescara nella zona arancione e la fine delle vacanze di Pasqua.
“Scuole riaperte non significa però abbassare la guardia – ha sottolineato il Presidente Rapposelli – perché il virus continua a circolare e vanno ancora garantite le misure minime di sorveglianza e di cautela al fine di evitare la quarta o quinta ondata. E allora, se da un lato chiediamo a tutti di continuare a osservare in modo scrupoloso le prescrizioni anti-Covid, quindi la frequente igienizzazione delle mani, l’uso rigoroso della mascherina e il mantenimento della distanza sociale di 1 o anche 2 metri, mentre parallelamente continua la campagna delle vaccinazioni, l’amministrazione comunale dall’altro lato si è comunque organizzata per vigilare sull’andamento del virus assicurando agli studenti delle scuole di competenza comunale uno screening a tappeto al fine di individuare eventuali casi positivi asintomatici o anche di individuare la negatività collettiva, che testimonierebbe anche comportamenti corretti nel corso delle ultime vacanze pasquali. Gli screening partiranno il prossimo fine settimana, il 10 e l’11 aprile, e cominceremo con i ragazzi delle scuole medie, di età compresa tra gli 11 e i 14 anni: sabato 10 aprile i tamponi si svolgeranno dalle 9 alle 18.15, negli spazi adiacenti la stazione di Porta Nuova, con una media di 250 ragazzi testati ogni ora, dunque 2.065 complessivamente; domenica 11 aprile saranno tamponati gli altri 2.031 studenti. A organizzare i turni saranno i dirigenti degli Istituti comprensivi: alcuni, con un minor numero di studenti, esauriranno le operazioni in un’ora, i Comprensivi 5, 6, 8, 9 e 10, che contano un maggior numero di ragazzi, invece andranno a occupare più fasce orarie, con l’obiettivo di esaurire in blocco ciascun Istituto Comprensivo, ma soprattutto di impedire e scongiurare qualunque rischio di assembramenti di studenti e genitori in attesa di partecipare allo screening, che significherebbe vanificare la bontà dell’operazione stessa. E ovviamente alle famiglie – ha proseguito il Presidente Rapposelli – chiediamo di rispettare in modo rigoroso le indicazioni orarie che arriveranno loro dalle dirigenze scolastiche, anche per evitare inutili attese. A tali studenti, si aggiungeranno domenica 11 aprile anche i 173 ragazzi dell’Istituto Nostra Signora che effettueranno il tampone dalle 17.30 alle 18.15, servizio reso possibile dalla presenza di una molteplicità di postazioni, che la Asl sta cercando di incrementare ulteriormente di almeno 2 o 3 spazi aggiuntivi, grazie alla disponibilità di medici e infermieri del territorio che si stanno mettendo a disposizione, anche facendo la staffetta con i medici di base che in questi giorni sono impegnati con le vaccinazioni domiciliari dei propri pazienti. A questo tour de force dei tamponi di massa non parteciperà questa volta l’Istituto ‘Ravasco’ perché non ha più classi di scuola media. Ma non basta: il fine settimana successivo, dunque il 17 e 18 aprile, ripeteremo l’operazione dello screening di massa con gli studenti delle scuole elementari, con le stesse modalità, in questo modo cerchiamo di collaborare con le Autorità sanitarie nel tenere sotto controllo l’andamento del virus sul territorio e di contenerne la diffusione. E a tal fine riteniamo sia ormai indispensabile lasciare il servizio dei tamponamenti e di screening sempre attivo per gli studenti, in modo da poter ripetere a più riprese l’iniziativa ai fini di un monitoraggio continuo. In più attualmente l’amministrazione comunale sta verificando con il Presidente della Provincia di Pescara la possibilità di svolgere lo stesso screening anti-Covid 19 di massa con gli studenti degli Istituti superiori di Pescara e provincia con modalità che verranno ufficializzate nelle prossime ore”.

Related posts

San Giovanni Teatino, convocato il Consiglio Comunale: ecco l’ordine del giorno

redazione

L’anima popolare di Flavio Oreglio riparte dallo Zelig

admin

Pescara, festa a conclusione delle attività estive per bambini in difficoltà

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy