Cronaca

Pescara, interventi di risanamento e ampliamento del cimitero di Colle Madonna

Pescara. Lavori di consolidamento, messa in sicurezza, risanamento e ampliamento del cimitero di Colle Madonna per un importo di 570.000 euro, e tempi rapidi per riportare alla normalità una situazione che si trascina da anni. Gli interventi sono stati presentati nella Sala Giunta di Palazzo di città dal sindaco Carlo Masci, dall’assessore Mariarita Paoni Saccone e dal responsabile del settore lavori pubblici Fabrizio Trisi. L’aggiudicazione dell’appalto è prevista per il 10 agosto, l’inizio dei lavori a settembre, per consentire già il I novembre il ripristino dell’afflusso nelle zone interdette (una cinquantina di loculi e una decina di cappelle).
«Con questi lavori – così il sindaco Masci – otteniamo tre risultati: poniamo fine a una condizione di disagio che va avanti da diversi anni, restituendo alcune parti del cimitero al culto dei defunti, precluso per la pericolosità derivante da movimenti franosi che hanno danneggiato le strutture; riportiamo le aree interessate alla piena fruizione grazie al risanamento; ampliamo la disponibilità grazie a nuovi 72 loculi realizzati con le opere strutturali». Da anni, peraltro, il cimitero di Colle Madonna non può consentire inumazioni, per mancanza di posti e a causa di un contenzioso con al ditta che aveva vinto il project. Per l’assessore Paoni Saccone gli interventi consentiranno di restituire il luogo di culto alla pienezza della pietas.
Trisi ha evidenziato che i lavori progettati dall’ingegner Mauro Della Penna prevedono un muro di contenimento e sostegno, il rinforzo delle paratie e un sistema di drenaggio e smaltimento delle acque.
Nel dettaglio, il progetto riguarda una porzione del cimitero di Colle Madonna (porzione orientale), dove i manufatti in murature e cemento armato presentano precarie condizioni statico-strutturali, dovute tra l’altro alle intense precipitazioni verificatesi nel periodo invernale negli anni 2015-2017-2019. Effetti che sono immediatamente percepibili alla vista attraverso evidenti cedimenti, presenza di significati quadri fessurativi, per la maggior parte passanti.
Situazione che ha comportato, al fine di salvaguardare la pubblica e privata incolumità, l’interdizione di alcuni spazi all’utenza in occasione delle specifiche ricorrenze dedicate al culto ai defunti.
Gli interventi riguardano il consolidamento, la stabilizzazione e operazioni conservative e di ripristino dell’esistente, con la riduzione dei potenziali pericoli, utilizzando soluzioni in linea con le tecnologie disponibili per rispondere alle emergenze riscontrate di tutta evidenza e prontamente segnalate dall’Amministrazione Comunale.
La zona cimiteriale di Colle Madonna è posta in corrispondenza delle pendici collinari che si trovano a ridosso della stretta fascia costiera adriatica.
I manufatti principalmente interessati dai dissesti in corso consistono in loculari in batteria in cemento armato, del relativo sistema di scale di comunicazione tra i due campi nonché da costruzione in muratura, in passato destinata a magazzino, che presenta evidenti quadri fessurativi passanti di entità tale che allo stato non risulta utilizzato.

CRONOPROGRAMMA DELLE FASI ATTUATIVE

RICHIESTA PARERI Servizio del Genio Civile 30 gg
PROGETTAZIONE Approvazione progetto definitivo-esecutivo 10 gg
INDIVIDUAZIONE ESECUTORE Bando + Pubblicazione + Selezione concorrenti + Contratto + Consegna
60 gg
ESECUZIONE 120 gg
COLLAUDI 60 gg
Giorni totali necessari alla realizzazione dell’opera 280 gg

In fase di cantiere si avranno effetti negativi transitori solo in relazione all’ambiente naturale, praticamente nulli sulla salute umana. La densità abitativa dell’area di intervento è infatti scarsa e la tipologia prevista dei lavori non determina emissioni in ambiente o alterazioni cospicue della stabilità geomorfologia ed idrologica.

Related posts

Torna il collegamento di Abruzzo Airport con Francoforte Hahn

redazione

Blasioli (Pd) in ricordo della professoressa Mancini

redazione

Chieti, il monumento della Colonnetta torna a nuova vita dopo il restauro

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy