Cronaca

Vasto, passerelle in legno e riqualificazione degli ambienti dunali

Arriva il finanziamento del progetto Life Calliope per le riserve naturali

Vasto. La giunta regionale ha approvato lo schema di convenzione per l’erogazione del finanziamento europeo relativo al progetto Life Calliope, proposto dall’Università del Molise in collaborazione con l’Università di Cipro, che prevede interventi da realizzare nelle aree protette costiere. Tra i soggetti attuatori figura il Comune di Vasto insieme ai Comuni di Ortona, Torino Di Sangro e l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano.
I fondi previsti per le Riserve Naturali Vastesi ammontano a 97mila 530 euro per la realizzazione di predette infrastrutture.
“Abbiamo partecipato al bando nel 2017, a pochi mesi dal nostro insediamento – dichiarano il sindaco Francesco Menna e l’assessore alle Politiche Ambientali Paola Cianci -. Dopo una lunga attesa, l’attuale governo regionale ha finalmente concluso l’iter.
Con questo finanziamento realizzeremo nella Riserva di Marina di Vasto – spiegano sindaco e assessore – le prime passerelle in legno sugli accessi al mare autorizzati, completeremo il lavoro già iniziato in questi anni di delimitazione delle dune con paletti e cordino e di posizionamento di bacheche informative e cartellonistica.
Per quanto riguarda la Riserva di Punta Aderci verrà fatto un lavoro di riqualificazione e bioricostruzione degli ambienti dunali, protezione degli ambienti marini e realizzazione di un campo boe per l’attracco delle barche.
Ci siamo impegnati molto nel promuovere questo progetto attraverso un’interlocuzione costante e diretta con i soggetti coinvolti ovvero l’Università del Molise per la parte scientifica, la Legambiente per l’educazione ambientale e l’animazione territoriale, il CIRSPE per la comunicazione è lo IAAP (Istituto Abruzzese per le Aree Protette) per l’organizzazione delle visite guidate.
Una risposta importante che arriva alla fine del mandato amministrativo quasi a coronare un percorso svolto all’insegna di investimenti finalizzati a rendere fruibili le nostre Riserve sempre nel rispetto dell’ambiente e delle sue bellezze naturalistiche.
Il progetto Life Calliope coinvolge in modo attivo la popolazione ed i portatori di interesse grazie al miglioramento delle conoscenze scientifiche del territorio. Guardiamo al futuro della nostra città – concludono Menna e Cianci – e facciamo tutto ciò in un momento storico in cui l’Europa ci indica la strada per la transizione ecologica”.

Related posts

Ortona, i mezzi e le aree d’intervento previsti nel piano neve comunale

redazione

L’Aquila celebra la Giornata Nazionale sulla SLA

redazione

Treglio, in Appello confermate condanne per titolari sansifici Vecere

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy