Politica

Di Ciano: “Basta Aca, Chieti torni a gestire le proprie reti idriche”

Chieti. “Dal 2013, che ci battiamo per una diversa organizzazione della governance del comparto idrico- abbiamo cercato di far comprendere a tutti gli interessati, in che condizioni era la gestione delle risorse idriche, delle reti e della depurazione”.

Si legge così in una nota di Andrea Di Ciano, comunica che ha attivato una raccolta di firme “per protestare contro il grave disservizio causato dalla mancata erogazione di acqua potabile nelle ore serali e notturne in città e lo stato disastroso delle reti colabrodo. La mancanza d’acqua comporta, oltre ad un enorme disagio, un danno economico che deriva dall’utilizzo di serbatoi, di pompe elettriche, da spese idrauliche per l’istallazione, la manutenzione ed eventuali riparazioni, dal mancato utilizzo di elettrodomestici nelle ore notturne, quando il costo dell’ energia elettrica è meno oneroso. Per non parlare delle attività commerciali costrette a chiudere anticipatamente.
Invitiamo tutti i cittadini a firmare questa petizione per dare forza alla richiesta di un diritto fondamentale. Le firme raccolte saranno consegnate nelle mani del Sindaco di Chieti con l’augurio e la speranza di un intervento mirato e risolutivo dei problemi”.

Related posts

“Radici” su Mario Trozzi, il Pd Abruzzo: “La nostra identità per dare spessore alle nostre idee”

redazione

Federmanager su Nuova Pescara. Corneli: “Tornare indietro è un costo per tutti”

redazione

L’omaggio dell’Abruzzo a Mario Fratti per il suo 90° compleanno

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy