Politica

Pianella, autovelox: interviene onorevole Torto

Pianella. “Ammonta già a 2 milioni di euro la cifra incassata dal comune di Pianella grazie alle multe dell’autovelox posizionato sulla statale 81 e la somma è destinata ad aumentare. Sia il numero delle multe che la cifra incassata mi è sembrata spropositata. Troppe volte i comuni utilizzano questi stratagemmi per fare cassa e di certo non è giusto che lo facciano gravando sulle tasche dei cittadini; alcuni si sono visti recapitare anche 8 multe”, dichiara la parlamentare del Movimento 5 Stelle, Daniela Torto.

“Non sto dicendo che questo sia il caso, ma è il sospetto di moltissimi cittadini che mi hanno contattata. In effetti fino allo scorso anno il limite di quel tratto di strada era di 70 km/h mentre da luglio 2020 l’Anas ha accordato un abbassamento della stessa a 50 km/h, in seguito ad una richiesta dello stesso comune di Pianella, che successivamente ha installato l’autovelox in questione”, insiste la parlamentare del movimento 5 stelle.

E continua, “proprio per questo sono andata sulla strada in questione per vedere di persona l’autovelox incriminato e, diversamente dalle motivazioni riportate nell’ordinanza dell’Anas e che hanno portato ad un abbassamento della velocità, non ho riscontrato un “continuo flusso di traffico in ingresso ed in uscita” per la presenza di attività commerciali e opifici. Infatti mi risulta che nel tratto di strada interessato dall’ordinanza esistano solo 2 attività commerciali, peraltro distanti tra loro 2 km, e che i sinistri verificatisi negli ultimi 10 anni in quel tratto di strada siano stati solo 14”.

Conclude l’onorevole pentastellata Daniela Torto, “sicuramente la sicurezza stradale deve essere messa al prima posto e i cittadini devono rispettare i limiti imposti al fine di tutelare la propria e l’incolumità degli altri, ma effettivamente tutte quelle infrazioni registrate sembrerebbero essere di numero eccessivo. Proprio per questo ho chiesto al Ministero competente quali siano le motivazioni tecniche a supporto dell’ordinanza ANAS che ha abbassato il limite di velocità a 50 km/h; quali sono le relazioni tecniche del’Anas recenti, effettuate anche attraverso sopralluoghi, che giustifichino la riduzione del limite di velocità a 50 km/h e se alla luce dell’alto numero di infrazioni, non sia ragionevole indicare un limite di velocità differente”.

Related posts

Ianieri Edizioni, al Fla 2018 gli incontri con Paolo Mastri, Lucilio Santoni e Cristina Mosca

admin

La missione di Goffredo Palmerini è centrale e maestra

admin

Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza: il Comune di Pescara aderisce all’iniziativa “Lunga vita ai diritti”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy