Cronaca

Al Corso Fials l’assessore regionale Salute e il direttore Asl Pescara

Corso ECM “I vissuti Psicoemotivi nei tempi di Pandemia: conoscere per meglio assistere” organizzato da FIALS-Formazione

Pescara. A Montesilvano (Pe) si è aperto stamattina venerdì 5 novembre 2021, per concludersi in serata, il Corso ECM “I vissuti Psicoemotivi nei tempi di Pandemia: conoscere per meglio assistere” organizzato da FIALS-Formazione con il riconoscimento di 11.7 crediti ECM e aperto a tutte le professioni sanitarie.

Tutti esauriti i posti a disposizione per l’incontro svolto presso la sala Convegni dell’Hotel Sea Lion a Montesilvano che, dopo la lunghissima pausa dovuta al Covid-19 e alle restrizioni conseguenti, ha segnato la ripresa della formazione promossa dalla F.I.A.L.S. (Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità) che da tempo, in Abruzzo, organizza Corsi ed incontri di Formazione. Già programmato il prossimo che si terrà a metà dicembre e che verrà presentato ufficialmente a breve sulla pagina web https://www.fialspescara.it/ nel settore formazione.

All’apertura del Corso sono intervenuti l’assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì e il Direttore Generale dell’ASL Pescara Vincenzo Ciamponi accolti dal segretario regionale FIALS Gabriele Pasqualone e dal segretario provinciale FIALS di Pescara Nicoletta Di Nisio e dal segretario provinciale FIALS di Chieti Giordano Di Fiore.

Responsabile Scientifico e Relatore è stato Paolo Giovanni Monformoso, Antropologo Clinico Esistenziale. Psicoeducatore e Pedagogista clinico. Counselor Supervisore e Formatore. Logoterapeuta ed Analista Esistenziale. Esperto in Umanizzazione in ambito socio-sanitario ed educativo.

“La pandemia da covid-19 – ha dichiarato – ha portato a rischi senza precedenti per la salute mentale a livello globale. Oltre ai pazienti contagiati e agli operatori sanitari messi in grave rischio, anche la salute mentale della popolazione in generale ha richiesto un’attenzione significativa. Gli eventi e le situazioni traumatiche prolungate, in aggiunta ad altri fattori di stress e a fattori usuranti della sfera biopsicosociale, hanno generato varie reazioni e disturbi, che insorgono di fronte a eventi o situazioni che rappresentano una minaccia all’integrità psicofisica propria o altrui, o che provocano sentimenti di paura e di impotenza. tale tipo di condizione è oggi comparabile al cosiddetto “ongoing trauma” (trauma in corso). Scopo del Corso è illustrare lo studio effettuato che mostra l’importanza di riconoscere e dare importanza al grado di disagio e stress presentato dagli ammalati, dai familiari e dagli operatori sanitari. Questo al fine di ideare soluzioni che possano favorirne il benessere psicofisico. Appare pertanto importante sensibilizzare e informare le persone, di tutte le fasce di età, attuando interventi di educazione preventiva, di presa in carico olistica e sostegno relazionale che si basino su tecniche specifiche con il fine di rielaborare, anche in ambito professionale, i vissuti emozionali della situazione, in modo da ridurre le reazioni psicofisiche correlate al trauma in corso o al vissuto psicoemotivo”.

Related posts

È al secondo posto in Italia la Scuola di specializzazione in “Scienza dell’Alimentazione” della “d’Annunzio”

redazione

Assunzioni in vista alla Asl Lanciano Vasto Chieti. Banditi i concorsi per 22 medici

redazione

Disponibili sul sito della Prefettura i modelli per le comunicazioni e la richiesta di autorizzazione al Perfetto di Chieti

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy