Cronaca

Truffe telematiche, nei guai due giovani teatini

Chieti. Sempre alta l’attenzione e costante l’impegno dei militari dell’Arma Teatina nel contrasto delle truffe telematiche, in particolare nel periodo natalizio connotato da consistenti acquisti anche su piattaforme informatizzate per i regali di Natale.
E’ così che i Carabinieri del Comando Stazione di Chieti Scalo, si sono imbattuti in due scaltri e spregiudicati giovani teatini, il 26enne B.L. e il 20enne F.A., che avevano architettato una ingegnosa truffa a danni di loro coetanei, prevalentemente universitari: “agganciati” per conoscenza diretta, o attraverso conoscenze comuni ovvero, come nell’ultimo periodo, addirittura con il “passaparola”, i quali, con la scusa di dover aprire dei conti a costo zero su piattaforme di giochi on line, e previa remunerazione (variabile tra i 20 e i 50 euro a giovane, a seconda che vi fosse anche una successiva attività di reclutamento di altri ragazzi da immettere, inconsapevolmente, nel giro truffaldino), venivano convinti a fornire i loro documenti di identità e codici fiscali, con cui poi i due, invece, aprivano dei veri e propri conti correnti bancari on line intestati agli ignari conoscenti, attraverso i quali ottenevano strumenti di pagamento elettronici (bancomat e carte prepagate) – ovviamente fatti inviare ad indirizzi fittizi noti solo a loro – ed effettuavano acquisti on line, ma anche prelievi, per diverse migliaia di euro.
Il “gioco”, assimilabile ad una sorta “catena di Sant’Antonio” telematico-bancaria e truffaldina, ha retto finchè i primi “anelli” raggirati, si rivolgevano ai militari della Stazione Carabinieri di Chieti Scalo per denunciare l’anomala situazione di un conto bancario per loro fantasma, ma in piena attività soprattutto in uscita, e di cui non riuscivano a fornirsi spiegazione.
I militari svolta una complessa attività di riscontro, e individuati altri coinvolti, in qualità di raggirati, per un totale di una dozzina di ragazzi, risalivano alle responsabilità dei due spregiudicati giovani, che di conseguenza venivano deferiti all’A.G. di questo Centro – per i titoli di reato di Truffa aggrava, continuata e in concorso, e sostituzione di persona – e all’esito della perquisizione delegata nei loro confronti, venivano trovati in possesso di materiale gravemente indiziante ritenuto collegato al reato (diversi P.C. fissi e portatili, tablet, smartphone), nonché nella disponibilità di uno di loro la somma in contante di circa 10.000, 00 euro, invero insolita dato che non era dedito ad attività lavorative note.

Related posts

Chieti, revocato decreto di sospensione dell’ordine di esecuzione per la carcerazione: 38enne rintracciato e arrestato

redazione

Vasto, scuole sicure: avviati i cantieri per un milione e mezzo di euro

redazione

Città Sant’Angelo, raddoppio orari per anagrafe

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy