Cronaca

Lettera aperta di Luca Fortunato, responsabile della Capanna di Betlemme di Chieti per la Festa della Donna

Da oltre quindici anni mi occupo di accoglienza: dai senza fissa dimora ai papà separati, dalle persone con disabilità a quelle con disagio socio-economico; tuttavia ho sempre riservato un carattere di precedenza a donne e minori vittime di violenza. Ciò mi ha permesso di osservare da vicino l’aumento progressivo di tale fenomeno, che definirei senza troppi indugi “violenza di genere” per la percentuale schiacciante di vittime donne.

Il tutto, aggravato dalla pandemia, ha portato ad un maggior interessamento non solo da parte dei media, bensì anche dello Stato stesso (attraverso l’attivazione del “Codice rosso” o del Reddito di Libertà), aspetti che però non sono scaturiti in un reale miglioramento della condizione della donna maltrattata.

In tutti i casi di cui mi sono occupato, infatti, è la donna stessa assieme ai minori a lasciare la casa, senza tutele (di arresto o allontanamento del coniuge) e vittima di nuovo di un sistema distorto e inverso, che la costringe a stravolgere la sua vita sociale, mascherando la negazione di uno dei diritti fondamentali dell’uomo (la libertà) con la parola “sicurezza”. Queste donne e questi bambini vivono perciò una doppia punizione senza colpa, costretti a rinunciare persino alla scuola, al lavoro, alle amicizie, a qualunque forma di svago e serenità.

Non mi sento, alla vigilia della Festa della Donna, di celebrarla come giorno glorioso e di vittoria; mi sento piuttosto di riflettere su come siamo immersi sempre più profondamente in una cultura della violenza.

La parola cultura assume infatti per me un ruolo di centrale importanza, in quanto ad oggi risultano pressoché inesistenti i fondi e le azioni necessari alla prevenzione della violenza proprio attraverso la scuola, lo studio, la formazione, la sensibilizzazione. Sarebbe sufficiente lavorare preventivamente nelle scuole, a partire dalle primarie, attraverso l’inserimento sistematico di questo tema nell’ambito dell’educazione civica, per far diventare l’argomento oggetto di discussioni “ordinarie”, e non “straordinarie”; per cautelarsi dal pericolo, per educarsi alla non violenza, per imparare a risolvere i conflitti attraverso mediazione e dialogo, per costruirsi un sano concetto di “relazione”…e non aspettare di indignarsi con l’ennesimo articolo sul femminicidio.

Ritengo che con un lavoro di questo tipo, in dieci anni osserveremmo una riduzione netta della violenza di genere, avendo imparato anzitutto noi a riconoscerla già dai primi segnali, e avendo insegnato ai nostri giovani e giovanissimi a saper fare altrettanto.

Il mio augurio per questo 8 marzo non è un “buona festa”, ma un “buona sfida”: perché possiamo convincerci a lavorare affinché questa pianta velenosa venga estirpata dalla radice“.

Luca Mattia Fortunato
Responsabile della Capanna di Betlemme di Chieti dell’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII
Educatore professionale e Coordinatore di comunità socio-sanitaria ed educativa

Related posts

Aiuola fiorita nell’asola del calice di Toyo Ito. Paola Marchegiani: “Si realizza la mia ultima proposta da assessore al Verde”

redazione

Montesilvano, nuovi semafori e photored per evitare l’alta velocità e gli incidenti sulle strade

redazione

Ortona, evade dai domiciliari: arrestato

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy