Cultura e eventi

Atessa, il pasticciaccio dell’Auditorium affidato a esperto di Diritto Amministrativo

Atessa. La Giunta comunale di Atessa affida a un docente di diritto amministrativo, super partes, quale Oiv (Organismo indipendente di valutazione), il compito di redigere un parere pro-veritate sulla situazione dell’Auditorium di Piazza Garibaldi privo di “collaudo tecnico amministrativo normativamente previsto” e “in presenza di espresso parere contrario all’uso” della struttura “della competente Commissione comunale sui Locali di Pubblico spettacolo”. La decisione è stata assunta nella riunione di ieri dell’Esecutivo comunale per dirimere la complessa e ingarbugliata vicenda dell’Auditorium, inaugurato e usato, pur se non a norma, dalla passata amministrazione di centro-destra.

Il gruppo consiliare Movimento 5 Stelle e LiberAtessa -fa presente la delibera della Giunta- hanno avanzato due distinte interrogazioni aventi ad oggetto l’Auditorium, istanze alle quali è stata data risposta dal sindaco nel Consiglio comunale dell’11 ottobre scorso. Nel corso della seduta, in aula, è stata letta la relazione predisposta dal Rup (Responsabile unico del procedimento) Guglielmo Palmieri, dalla quale “sono emerse assai e rilevanti criticità” in relazione all’assenza di disponibilità da parte del Comune dell’Auditorium e “all’utilizzazione dell’opera in una pluralità di occasioni pur in assenza del collaudo”, neessario per legge.

La Commissione di Pubblico spettacolo, con verbali del 14 e del 16 dicembre 2016, aveva sottolineato che, per il rilascio del nulla osta all’utilizzo dell’Auditorium, sarebbero occorsi “il completamento dei lavori e l’integrazione della documentazione”. L’allora sindaco di Atessa, Nicola Cicchitti, “pur in assenza del parere favorevole – ricorda, oggi, la Giunta – ha assunto provvedimenti in deroga per l’utilizzo dell’Auditorium nei giorni 18, 23, 26, 27 e 30 dicembre 2016; 3 e 5 gennaio e 4 febbraio 2017”. Il sindaco dell’epoca ha “assunto provvedimenti in deroga, sotto la propria diretta responsabilità per l’utilizzo della sala (non retrocessa e non collaudata)”.

Durante il Consiglio dell’11 ottobre è anche emerso che la ditta esecutrice dei lavori chiede maggiori somme, per oltre 220mila euro. Questa somma è contestata dal Rup. “Ma – spiega la Giunta – non essendo stati instaurati procedimenti di composizione bonaria, nei tempi e nei modi previsti dalla legge, appare concreto il rischio di un contenzioso giurisdizionale con la ditta esecutrice sul SE e su QUANTO dovuto in sede di liquidazione delle spettanze finali”.

Considerata, quindi, la complessità amministrativa e finanziaria della vicenda Auditorium, l’Amministrazione di Atessa ha deciso di affidarsi ad un esperto per intraprendere tutte le iniziative utili a salvaguardare l’immagine e gli interessi del Comune.

Related posts

Ortona, Ciccotelli su abbandono periferia

admin

San Salvo, Giorno della Memoria, il sindaco Magnacca: “La follia dell’uomo non ha tempo”

admin

Chieti, percorso formativo gratuito sulle dipendenze patologiche

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy