Cultura e eventi

Pop Ruzante la prima produzione dei NoveZeroSei in scena al Castello Aragonese di Ortona

Ortona. La compagnia teatrale NoveZeroSei, in collaborazione con l’associazione Progetto Ortona 2.0, presenta la sua prima produzione Pop Ruzante che debutterà venerdì 19 agosto, alle ore 21.30, nella suggestiva cornice del fossato del Castello Aragonese. L’opera ha il patrocinio del Comune di Ortona, del Comitato manifestazioni ortonesi e di Ortona Welcome. In scena Tommaso Bernabeo, Eliana De Marinis e Dario Iubatti che cura anche la regia.

Angelo Beolco, detto Ruzante, veniva definito così da Dario Fo: “Uno straordinario teatrante della mia terra, poco conosciuto… anche in Italia. Ma che è senz’altro il più grande autore di teatro che l’Europa abbia avuto nel Rinascimento prima ancora dell’avvento di Shakespeare.” E la Moscheta, da cui prende spunto lo spettacolo, è proprio la commedia più rappresentativa di questo autore semi sconosciuto e disprezzato anche durante la sua epoca. La storia è a prima vista molto semplice: lui, lei, l’altro e l’altro ancora. In realtà nei cinque atti si snoda una storia più antica dei tradimenti di Betia nei confronti del marito Ruzante (e alla fine dei conti anche del suo amico Menato). La faccenda su cui sembra insistere l’autore fin dal prologo è un male d’altri tempi: quello di non sapersi fare i fatti propri. Uno spettacolo nato partendo da una traduzione vera e propria del testo, poiché la lingua usata dall’autore (il pavano) oltre ad essere in disuso da più di due secoli è anche difficilmente intellegibile dagli stessi conterranei, avendo poi come binario il tema del pettegolezzo e dell’equivoco ed infine, guardando sullo sfondo le opere di un grande artista contemporaneo, Mark Kostabi, in cui il tema dell’amore (e del sesso) vengono affrontati con elegante eccesso, è nato Pop Ruzante.”Il termine Pop sta proprio ad indicare il “popular” che è il colore principale con cui mi sono divertito a dipingere, ma senza mai uscire fuori dai bordi segnati dal Beolco. Ci saranno però diverse tecniche, dalle caratterizzazioni pastello sfumate a quelle nitide in acrilico- spiega il regista Dario Iubatti- Una girandola di colori, una giostra di personaggi molto più concreti di quanto si possa immaginare che daranno vita ad una vera e propria festa, più che uno spettacolo, ma ad una festa pop, a cui possono partecipare tutti, anche chi non è mai stato a teatro”. “Credo che partire da un autore poco conosciuto e da un’epoca storica quasi mai rappresentata a teatro, almeno negli ultimi anni, ci pone una doppia sfida- aggiunge Tommaso Bernabeo – da una parte dimostrare che il teatro è eterno e, soprattutto, far capire al pubblico che è sempre fresco e fruibile, soprattutto ai giovani di cui sentiamo il dovere, tutti noi professionisti, di educarli ad un mestiere sacro come quello dell’artista. La scelta di un testo di un autore come Ruzante reso popular dalla regia del nostro Dario è una partenza ottima per la nostra Compagnia e per i nostri lavori futuri”. Eliana De Marinis dal canto spiega le emozioni di questi giorni : “Sono davvero emozionata e felice perché dopo tanti anni di teatro, mi trovo a debuttare con uno spettacolo “nostro”. Il piacere di fare le prove insieme, le risate sincere la voglia di cimentarsi in personaggi diversi da quelli che siamo nella vita, lavorare duramente ma tornando a giocare come bambini…tutto questo è possibile grazie ai NoveZeroSei e per questo voglio ringraziare i miei compagni di viaggio”.

L’ingresso allo spettacolo è gratuito su prenotazione. Posti ancora disponibili. Per prenotarsi chiamare il 3505355920 o il 3926913685 oppure dai canili social dei NoveZeroSei.

La Compagnia Teatrale NoveZeroSei nasce nell’ottobre 2021 da un’idea di tre attori professionisti abruzzesi con un’esperienza pluridecennale: Tommaso Bernabeo, diplomato alla scuola di recitazione del Teatro Marrucino di Chieti, Dario Iubatti diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma ed Eliana De Marinis diplomata al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Lo spettacolo non è il primo progetto della neonata compagnia che ha curato già le presentazioni di tre libri quelli di Scibilia, Ciocca ed Ortolano e proposto con successo il progetto rivolto agli studenti Spettacolabo. E il futuro prevede nuovi e importanti impegni. La collaborazione nata lo scorso giugno, infatti, tra le realtà fatte da professionisti ortonesi sta portando i primi frutti come una stagione teatrale congiunta tra la Compagnia dell’Alba, UnaltroTeatro, il Teatro del Krak e NoveZeroSei o anche semplicemente la disponibilità di provare questo spettacolo allo Zambra per cui la compagnia ringrazia Unaltro Teatro.

Related posts

L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini

redazione

Francavilla, il Pd organizza la Festa de L’Unità

admin

Chieti, Progetto Sibilla: al via la formazione per gli operatori a supporto delle donne vittime di violenza

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy