Politica

I Solisti Aquilani in Germania protagonisti della prima edizione de “La settimana italiana”

Berlino. Ancora un riconoscimento prestigioso per I Solisti Aquilani che la prossima settimana voleranno in Germania, ospiti del Consolato Generale d’Italia e dell’Istituto Italiano di Cultura. E si tratta di un felice ritorno, dopo i concerti che l’ensemble abruzzese tenne a Berlino, nella scorsa primavera, ospite della Berliner Philharmoniker.
L’occasione, questa volta, è data dalla prima edizione della rassegna concertistica La Settimana Italiana voluta dal Console Pierluigi Ferraro con l’intento di esportare e far conoscere i grandi talenti nel campo musicale che operano nel nostro paese e che rappresentano l’Italia nel mondo. Una vocazione, quest’ultima, che da anni I Solisti hanno fatto propria, come testimoniano le numerose tournée all’estero e la collaborazione con artisti straordinari. Ultimo, in ordine di tempo, John Malkovich, icona di fama mondiale. La rassegna è composta da tre eventi che si realizzeranno dal 12 al 15 dicembre. Il filo conduttore che unisce le tre serate è l’esecuzione della musica dei nostri tre Premi Oscar: Rota, Bacalov, Piovani. Le prime due serate avranno come interpreti i nostri Solisti, mentre Piovani sarà il protagonista assoluto dell’ultimo appuntamento della rassegna.
Il primo concerto, Affresco Italiano, si terrà il 12 dicembre a Düsseldorf, al Palazzo Palais Wittgenstein.
Il programma di questo “Affresco” è interamente composto da musiche di autori italiani o di compositori che con l’Italia hanno avuto un legame particolare. Si va da Ottorino Respighi con Antiche arie e danze per liuto – Suite terza ad Astor Piazzolla, Escualo,Oblivion,Libertango. Da Luigi Boccherini, Quintetto op. 448 per chitarra e quartetto d’archi a Luis Bacalov con il Concerto grosso per violino, cembalo e archi. Solisti Daniele Orlando e Francesco Peverini,violini e Adriano Adriano Walter Rullo, chitarra.
Il Secondo Concerto, Oltre Confine, si terrà a Colonia il 13 dicembre presso l’ Istituto Italiano di Cultura diretto da Maria Mazza.
Il tema che ha ispirato il programma della serata è quello della trasversalità nell’arte, con particolare attenzione alla contaminazione tra musica popolare e musica colta. Contaminazione che ha contribuito a dare vita a molti capolavori in ambiti completamente diversi. Ne sono testimonianza le partiture proposte da I Solisti Aquilani: Luigi Boccherini, con il Quintetto op. 448 per chitarra e quartetto d’archi; Horacio Salgan, con A fuego Lento; Carlos Di Sarli con Bahia Blanca; Massimiliano Tisano con Tango para mi juventud; Osvaldo Pugliese con La Yumba; Nino Rota con Concerto per archi e infine Bela Bartók con Danze Rumene.

Related posts

IdeAbruzzo propone al Comune di Chieti di adottare un sistema di “buoni” da spendere nei negozi della città per far circolare l’economia locale

redazione

“Forza, il meglio è passato”, Giorgio Pasotti recita a Torre de’ Passeri

admin

La biblioteca di Ortona ottiene un finanziamento ministeriale per l’attività di promozione della lettura

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy