Economia

Chieti, consegna della prima targa di negozio storico alla Libreria Bosio

Piccola cerimonia a un anno dall’apertura. L’assessore Pantalone: “È la nostra prima consegna, siamo felici che vada a un’attività rinata”

Chieti. Consegna con cerimonia per la targa di negozio storico alla Nuova libreria Bosio, che si svolgerà sabato 19 novembre a partire dalle ore 10. Un riconoscimento che arriva a fronte della storia della libreria, Intitolata a Monsignor Giovanni Battista Bosio, indimenticato Arcivescovo di Chieti e Amministratore perpetuo di Vasto, ospitata a pian terreno del Palazzo Vescovile. Il punto vendita, dopo anni di gestione diretta da parte della Curia, oggi è un’attività a gestione familiare, nelle sapienti mani dei coniugi Fabiana Fusella e Antonio Di Giosafat.

Un piccolo evento che prenderà vita con un corteo storico di camerlengo di Civitas Teatina, a cura dell’associazione Teate Nostra, che si muoverà lungo Corso Marrucino e fino alla libreria, dove sarà effettuata la consegna ufficiale, in presenza del sindaco Diego Ferrara, del vicesindaco Paolo De Cesare, dell’assessore al Commercio Manuel Pantalone, dell’arcivescovo Mons. Bruno Forte e delle altre autorità cittadine. La consegna sarà anche occasione per visitare il cosiddetto “tesoro della torre” che è parte integrante dei locali ubicati proprio sotto la Torre Arcivescovile, fatta erigere nel 1470 dall’arcivescovo Colantonio Valignani. Il tesoro è l’affresco Tolemaico, un frammento di enorme valore artistico documentale, di autore incerto, che si trova sotto una delle volte della scalinata. Un reperto che testimonia l’essenza della Geografia di Tolomeo, ossia della sfericità del mondo così come ancora rappresentata nel 1400, dunque su una superficie piana attraverso principi matematici e astronomici.

“Sarà l’occasione di restituire alla memoria cittadina una parte della sua storia – così il sindaco Diego Ferrara e l’assessore Manuel Pantalone – Attraverso la consegna della targa attestiamo il prosieguo di un cammino commerciale e culturale, legato all’esistenza della libreria, dove non si trovano solo testi e articoli di arte sacra, ma anche regali e pensieri di vario genere. Una testimonianza, la targa, richiesta dai titolari secondo quanto stabiliscono i regolamenti di settore che abbiamo elaborato con la fattiva collaborazione della consigliera Barbara Di Roberto, oggi presidente della Commissione Commercio, per delle attività longeve, come riconoscimento per l’esperienza e il lavoro e anche per segnare una tappa importante nel cammino delle attività stesse. Il nuovo inizio c’è stato proprio l’anno scorso, dando seguito a un’esperienza di quasi 70 anni, quello della libreria religiosa Monsignor Bosio. La nuova gestione dei coniugi Di Giosafat ha saputo bene interpretare la vocazione del luogo e il potenziale del centro cittadino, dove sono diverse le librerie, lo hanno fatto con coraggio, tenacia e un’offerta ampia, innanzitutto libri per tutte le età e argomenti, materiale audiovisivo, musica e didattica, oltre a un altrettanto vasto assortimento di articoli religiosi, abbigliamento per sacerdoti, paramenti e articoli sacri che contraddistingue il percorso ultradecennale”.

Related posts

Serenity investe in comunicazione: “io ci conto”, al via la nuova campagna adv Serenity

redazione

Turkish Airlines si conferma ancora una volta come “Brand di Maggior Valore della Turchia” in ogni settore

redazione

“Liberi di Esprimersi”, workshop a Pianella

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy