Cultura e eventi

Festival dAnnunziano, il programma e gli ospiti della quarta giornata

Pescara. Federico Palmaroli con ‘Le più Belle Frasi di Osho’, Raphael Gualazzi e i nuovi lavori editoriali che sveleranno un d’Annunzio segreto saranno i momenti clou domani, martedì 5 settembre, della quarta giornata della quinta edizione del Festival dannunziano – Vivi, Odi, Balla, la rassegna ideata e promossa dalla Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo del Presidente Lorenzo Sospiri.
“La quinta edizione del Festival ci sta regalando delle emozioni incredibili in un crescendo continuo – ha sottolineato il Presidente Sospiri -. Il Concerto dei Boomdabash è stato un successo straordinario, con quasi 10mila presenze, ovvero oltre i 5mila che potevamo ospitare nell’area concerti, ce n’erano altrettanti al di là delle transenne, addirittura sino a piazza Salotto, una presenza e una partecipazione di ragazzi che cantavano, ballavano e applaudivano il gruppo salentino che citava d’Annunzio e che ci ha dato un’idea tangibile di quanto abbia colto nel segno l’operazione culturale che stiamo portando avanti da cinque anni. Oggi il Festival dannunziano è una realtà incancellabile e irrinunciabile, è parte del nostro patrimonio perché il Vate è tornato a essere il nostro testimonial d’eccezione. E l’ulteriore prova è stata resa dalle centinaia di presenze registrate nelle nostre strutture museali nella Notte dei Musei, a partire proprio da Casa d’Annunzio”.
Domani, martedì 5 settembre il Festival si aprirà alle 17 all’Aurum – Sala Tosti – con la Presentazione del libro ‘d’Annunzio Erotico’ di Costanzo Gatta, con Angelo Piero Cappello;
Ore 18 – Aurum – Sala d’Annunzio – Presentazione del libro ‘D’Annunzio & World Literature’ con Michael Subialka, Elisa Segnini, Mario Cimini e lo storico Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani;
Ore 18.30 – Campo San Marco – Scudetto Cup – Partita prima giornata Girone B, Milan-Inter;
Ore 19 – Aurum – piazzale Michelucci – Le più Belle frasi di Osho con Federico Palmaroli;
Ore 20 – Aurum – Sala d’Annunzio ­– Presentazione del libro Fascismo Infinito con l’autore Francesco Borgonovo;
Ore 20.30 – Campo San Marco – Scudetto Cup – Partita prima giornata Girone A, Juventus-Pescara
Ore 21 – Aurum – Sala d’Annunzio – Lettura-Concerto del libro ‘Le più belle poesie di Gabriele d’Annunzio e molto altro’, a cura di Massimo Pamio, Edizioni Mondo Nuovo, voci recintanti Elker Errani e Antonella De Collibus, accompagnati da Pierfrancesco Fiordaliso, Gianluigi Fiordaliso e Rocco De Massis;
Ore 21.30 – Teatro d’Annunzio – Concerto di Raphael Gualazzi
Classe 1981, Raphael Gualazzi è cantautore, compositore, arrangiatore, musicista e produttore. Dopo gli studi classici al Conservatorio ha sempre sperimentato diversi generi musicali, dando vita ad uno stile personalissimo, tra stride piano, jazz, blues e fusion. Gualazzi ha partecipato ai più rinomati festival d’Europa (tra cui l’”International Jazz Day”, presso la sede UNESCO di Parigi, il “Saint Germain Jazz” di Parigi, il “Dìa de la Musica” di Madrid, l’Italian Innovation Day a Bruxelles, testimonial del made in Italy di successo all’estero), ha segnato sold out in Italia e all’estero sempre con formazioni di musicisti internazionali, arrivando a conquistare anche il Giappone e il Canada. Nel 2011, già noto in Francia, ha trionfato al Festival di Sanremo nella categoria Giovani con il brano “Follia d’amore”: primo posto, Premio della Critica “Mia Martini”, premio della Sala Stampa Radio e Tv, Premio Assomusica per la migliore esibizione live. E al successivo all’Eurovision Song Contest ha ottenuto il secondo posto con “Madness of Love”. Sul palco dell’Ariston è tornato altre due volte, sempre con grande successo di pubblico e critica: nel 2013 con “Sai (ci basta un sogno)” (quinto) e nel 2014 insieme a The Bloody Beetroots, con un progetto inedito che ha fuso jazz, elettronica, blues e gospel (medaglia d’argento con “Liberi o no”). Quattro album all’attivo e tre Ep in Italia, Gualazzi ha pubblicato in tutto il mondo (sempre con la Sugar), dalla Francia alla Germania, fino al Giappone (dove, nel 2018 è uscito “Best of”, una raccolta di successi contenuti nei suoi tre precedenti dischi). Il suo ultimo lavoro, “Love Life Peace”, ha conquistato il Disco D’Oro e il suo singolo di traino “L’estate di John Wayne” è stato in vetta alle classifiche radiofoniche per settimane fino ad arrivare ad ottenere la certificazione del Disco di Platino. Gualazzi ha composto anche per la tv e per il cinema. E’ autore di testo e musica, oltre che interprete al pianoforte, di “Vertigo”, brano contenuto nell’album “Sì” di Andrea Bocelli, candidato ai prossimi Grammy Awards. A febbraio 2020 è uscito il suo nuovo album “Ho un Piano”, contenente la hit sanremese “Carioca”. Dopo un’intensa attività live nell’estate 2021, con oltre 20 date in tutta Italia tra recital in piano solo e concerti in trio, il 23 novembre, data del centenario della nascita di Fred Buscaglione, Gualazzi ha pubblicato un EP di tributo in cui reinterpreta 5 brani del grande musicista e attore piemontese. Il 10 giugno 2022 è uscito il suo ultimo album “Bar Del Sole” per Sugar, disco nel quale Raphael ha reinterpretato 10 brani tra classici e chicche meno conosciute del repertorio cantautorale italiano, da Battisti a Graziani, Lauzi, Morandi, Ornella Vanoni e altri. Il progetto è stato co-prodotto interamente da Vittorio Cosma. Dopo l’uscita dell’album è seguito il tour estivo che lo ha portato in giro per l’Italia. A ottobre 2022 Gualazzi è volato in Sud Africa, precisamente a Cape Town, Durban e Johannesburg, dove ha tenuto tre concerti organizzati dall’Istituto Italiano di Cultura e dall’Ambasciata Italiana locale. A marzo 2023 debutta dal vivo in Argentina, con un concerto al Centro Cultural Nueva Uriarte di Buenos Aires in cui si esibisce con dei musicisti locali. Gualazzi ha composto e interpretato “Il Giro”, la canzone che accompagna lo spot Rai del Giro D’Italia 2023, in rotazione sui canali Rai da fine aprile. L’estate 2023 ha registrato un tour che ha portato Gualazzi nelle principali località Italiane, oltre ad alcune date in Europa – AthensJazz ad Atene, Preveza Jazz Festival a Preveza (Grecia) e Summertime Music Festival a Jurmala (Lettonia). Un nuovo progetto discografico è previsto in uscita per l’autunno 2023.

Federico Palmaroli nasce a Roma nel 1973. Di formazione umanistica, matura fin dall’adolescenza un grande interesse per la tradizione popolare tipicamente romana. È il padre de ‘Le più belle frasi di Osho’. Grande appassionato di letteratura futurista, sviluppa un’ironia che non appare anacronistico definire petroliniana. Svolge una professione che non ha nulla a che vedere con questa sua indole comica, che rimane solo il suo modo di approcciarsi alla vita. Il suo karma è racchiuso in questa citazione di Marinetti: “Mi auguro di morire prima di aver perduto le mie deliziose fanciullaggini”. Oggi “Le più belle frasi di Osho” è una delle pagine social di maggiore successo – oltre un milione di like su Facebook, 400mila followers su Instagram. “Ho pensato di far rivivere la romanità in un personaggio distante da questa realtà ma che, nelle espressioni, mi ricordava tanto il romano medio” ha spiegato circa la sua idea che ha avuto così tanto successo. Palmaroli infatti usa foto di attualità per la sua satira oppure quella di Osho Rajneesh – da qui il nome della sua pagina social – un santone che a metà degli anni Settanta girava l’India fondando comunità e insegnando amore e meditazione, per poi trasferirsi in Oregon, negli Stati Uniti, e appassionarsi alle Rolls-Royce.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito. Il programma degli eventi è disponibile sul sito dannunzioweek.it dove sarà anche possibile effettuare le prenotazioni per alcuni spettacoli gratuiti.

Related posts

“Tape Songs”, il disco d’esordio di Dario Troisi

redazione

A Campobasso conferenza sulle malattie cardiovascolari

admin

Orsogna: inaugurata “Stratosfere”, la mostra personale di pittura di Benedetta Luciani VIDEO

francescorapino

Leave a Comment