Politica

Carlo Costantini: “A Pescara degrado e sporcizia, per noi il decoro urbano sarà prioritario”

“Sarà una città diffusa e policentrica, basta ai quartieri di serie A e di serie B”

Pescara. “Decoro urbano, manutenzione delle strade e riqualificazione dei quartieri periferici saranno al centro della nostra amministrazione quando sarò sindaco. Pescara oggi è sporchissima e questo è sotto gli occhi di tutti. Le strade sono dissestate e sono ridotte ad una groviera. I cantieri elettorali hanno riguardato solo alcune zone, ma gli effetti dell’assenza di manutenzione ordinaria sono evidenti in gran parte del territorio”. Così il candidato sindaco di Pescara per la coalizione di centrosinistra, Carlo Costantini, illustra alcuni dei punti contenuti nel suo programma.

“Una volta insediati – afferma il candidato sindaco – potenzieremo le attività di pulizia delle strade, soprattutto nelle zone caratterizzate da maggiore afflusso, predisponendo un calendario ben preciso e costante, perché la città attualmente è sporchissima. La pulizia e il decoro urbano devono riguardare non solo le aree centrali e visibili della città, ma essere distintivi di attenzione e cura per l’intero spazio urbano”.

“In questi anni, ad eccezione dei cantieri pre-elettorali, che tra l’altro hanno riguardato solo alcune zone della città – prosegue – Pescara è rimasta ferma. La manutenzione ordinaria è stata pressoché inesistente. Siamo invece convinti che cura e manutenzione costante delle strade, dei marciapiedi, delle piste ciclabili, delle piazze e del verde urbano siano indispensabili. In centro, così come nei quartieri periferici. Promuoveremo lavori programmati con meccanismi di rotazione continua, anche in compartecipazione con risorse private, piuttosto che interventi dell’ultima ora a pochi giorni dal rinnovo dell’amministrazione”.

“Alla sporcizia e al degrado dovuti alle mancate manutenzioni – va avanti Costantini – si aggiungono fenomeni inimmaginabili nel 2024. Da più parti, soprattutto nella zona di San Silvestro Spiaggia e Villaggio Alcyione, i cittadini ci segnalano la continua presenza di bighe e cavalli, con tutte le conseguenze in termini di igiene urbana. Una vecchia ordinanza, risalente al 2001, consente il passaggio in alcune aree, ma di fatto le bighe percorrono anche altre strade. In tal senso, è necessario rivedere le regole ed attuare tutto ciò che è necessario per garantire il decoro urbano. Chiediamo, se necessario, al Prefetto di intervenire su questo tema”.

“Abbiamo in mente un’idea di città diffusa e policentrica – spiega il candidato sindaco – con il raccordo infrastrutturale fra centro e periferie. Per farlo realizzeremo una efficiente e diffusa rete dei servizi, con l’implementazione del trasporto pubblico, la presenza di uffici pubblici, scuole, impianti sportivi e presidi socioculturali. Garantiremo in ogni modo la cura e la riqualificazione degli spazi pubblici e del verde urbano, prevedendo la manutenzione di strade, piazze, marciapiedi, piste ciclabili e parchi urbani. Valorizzeremo, infine, le migliori esperienze del programma Periferie. Per noi – conclude Costantini – non esistono quartieri di serie A e quartieri di serie B e ci impegneremo quotidianamente per superare ogni forma di distinzione”.

Related posts

Relazioni affettive in carcere, Meritocrazia Italia: “Basta palliativi al disagio”

redazione

Domenica 27 giugno la rubrica di Michele Fina sulla storia dell’energia con Morassut e la docente Pagnotta

redazione

Tango, ultimi posti per lo stage con Pablo Veron

admin

Leave a Comment