Politica

Chieti, iniziativa del Centro Studi Costanza d’Avalos inserita nel Maggio Teatino

Chieti. Il Centro Studi Costanza d’Avalos, fondatodall’Associazione Culturale le Franche Villanesi, sotto l’egida dell’Archivio di Stato di Chieti e del Comune di Francavilla al mare, si prefigge di leggere le tracce rinascimentali nelle città abruzzesi, partendo da Chieti, città nella quale ha sede il centro studi.

L’obiettivo è di fare luce sul Rinascimento in Abruzzo e in particolare sul periodo nel quale lo splendore della famiglia d’Avalos fu massimo. Il personaggio su cui vogliamo concentrare le nostre ricerche è Costanza d’Avalos, principessa di Francavilla, la cui memoria sembra del tutto sepolta in Abruzzo mentre la letteratura è piena di testimonianze che la consacrano donna di potere, cultura, spiritualità di altissimo livello, meritevole di approfondimento e celebrazione anche in Abruzzo.

Le Franche Villanesi hanno iniziato lo studio su Costanza d’Avalos nel 2014, intensificato attraverso il gemellaggio Ischia Francavilla e ora consegnato alle ricerche di un centro studi dedicato, per il quale siamo grate all’Archivio di Stato per la sede, al Comune di Francavilla per il patrocinio e al Rotary di Ortona, primo degli sponsor che ci aiuterà a realizzare un percorso di studio triennale, affidato a vari esperti e in particolare a una studiosa dei d’Avalos abruzzese, la dr. Mariateresa Pace.

L’iniziativa si svolgerà Sabato 19 Maggio 2018 con il seguente programma: ore 17,00 Piazza S. Giustino incontro con due rappresentanti della Pro Loco che condurranno la visita guidata alla Chieti Rinascimentale partendo dalla Cattedrale di S. Giustino e proseguendo con la visita alla sezione rinascimentale del Museo Barbella e quindi visitando il centro storico della città con i suoi palazzi e monumenti dell’epoca. I visitatori saranno quindi invitati a recarsi presso l’Archivio di Stato di Chieti, sede del Centro Studi, per un aperitivo musicale della Corale Melodie d’Abruzzo, Direttore Mariateresa Giammarino, con arie ottocentesche dedicate alla memoria di Costantino Barbella per le sue forti connessioni con il Cenacolo Michettiano di Francavilla. Nel loro percorso culturale Le Franche Villanesi infatti intendono rimarcare le affinità esistenti fra la cultura rinascimentale del Cenacolo Ischitano di Costanza e quella ottocentesca espressa da d’Annunzio, Tosti, Michetti , Barbella e gli altri esponenti del celebre Cenacolo francavillese. Il concerto sarà preceduto dal saluto del Dr. Antonello De Berardinis, Direttore dell’Archivio di Stato e da una introduzione della Dr. Maria Rosaria Sisto, presidente dell’associazione e coordinatrice del Centro Studi.

Related posts

Emergenza climatica, sì unanime alla risoluzione Pd firmata da Blasioli, Paolucci e Pepe

redazione

Lanciano, presentazione antologia su catastrofe Rigopiano

admin

La nascita del Partito Popolare a L’Aquila

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy