Cultura e eventi Sport

A Pescara il torneo di Calcio a 5 “Un calcio al bullismo”

Pescara. Oltre la metà dei ragazzi italiani tra gli 11 e i 17 anni è stata vittima di atti di bullismo e le ragazze vengono prese di mira più spesso dei maschi. Il fenomeno è più frequente tra chi ha pochi amici. La migliore cosa da fare per difendersi è sicuramente parlare e, prima di tutto, parlare con i genitori. Lo fa sapere in una nota il consigliere comunale di Pescara del M5S Massimiliano Di Pillo.
È quanto si legge nel Rapporto Italia dell’Eurispes che cita lo studio Istat ‘Il bullismo in Italia: comportamenti offensivi e violenti tra i giovanissimi’. I dati evidenziano che nel 19,8% dei casi gli atti di violenza si sono verificati più volte in un mese, per il 9,1% la cadenza è stata settimanale.
La fascia d’età più bersagliata è quella tra gli 11 e i 13 anni: i più piccoli infatti sono stati bullizzati ‘qualche volta a settimana’ nell’11,3% dei casi e ‘una o più volte al mese’ nell’11,2%, a fronte del 7,6% e del 10,3% dei ragazzi tra i 14 e i 17 anni. Ad essere più spesso vittime di violenza sono gli adolescenti che non hanno una vita sociale intensa: il 48,8% dei ragazzi che quotidianamente incontra i propri amici ha dichiarato di non avere mai subito atti vessatori, dato che scende al 42,7% tra chi invece frequenta meno i coetanei.
Come difendersi?
La capacità di riconoscere “l’Altro” come persona dotata di valori e di pari dignità è un presupposto fondamentale attraverso cui poter stabilire relazioni significative e raggiungere una comunicazione efficace. Di primaria importanza, inoltre, è l’inserimento in un gruppo, luogo di confronto e rispecchiamento di sé: in tal senso, risulta importante facilitare la strutturazione di un gruppo coeso, il cui funzionamento consente il superamento delle normali conflittualità, nel rispetto delle differenze. Si tratta di obiettivi ambiziosi, ma raggiungibili attraverso un lavoro che ha come fondamento un processo di sensibilizzazione.
A partire dal contesto extrascolastico nel quale, come è noto, i ragazzi trascorrono molto tempo, e con l’auspicio di coinvolgere nel progetto successivamente anche il mondo scolastico del territorio, va elaborato uno progetto il più possibile completo ed efficace, strutturato in varie fasi e capace di trasmettere anche una maggiore consapevolezza dell’importanza delle regole e dei valori che l’attività ludico-sportiva può trasmettere. Tale attività è infatti riconosciuta come efficace strumento culturale, educativo, e di socializzazione, funzionale a contrastare fenomeni di disagio, soprattutto nelle nuove generazioni.
Alla luce di tutto questo, per sensibilizzare e favorire l’elaborazione di un simile processo, il Movimento 5 Stelle ha organizzato un evento coinvolgente, ideato per aiutare i partecipanti a riflettere su questa delicata tematica. L’evento, dal titolo “Un calcio al bullismo”, avrà luogo domenica 17 giugno 2018 dalle ore 9.00 alle ore 17.00 presso lo stabilimento Hawaii di Pescara.
Simpatizzanti, Attivisti, Parlamentari, Senatori e rappresentanti dei vari gruppi del M5S di tutta la Regione Abruzzo si sfideranno in un torneo di calcetto per testimoniare attraverso lo sport come tutte le diversità possano sposarsi e convivere in perfetta armonia. Una sola cosa è certa, vincerà il messaggio contro il bullismo.

Related posts

“L’amore non fa per me”, nei digitalstore il singolo d’esordio di Giovanni Segreti-Bruno

redazione

La Tombesi batte la Real Dem 11-5

admin

San Giovanni Teatino, il Comune inaugura la “Piccola Biblioteca del Parco”

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy