Politica

La biblioteca di Ortona presente a Chieti nel programma della Notte europea dei ricercatori

Ortona. La biblioteca comunale di Ortona partecipa alla Notte Europea dei Ricercatori prevista per venerdì 28 settembre, nell’ambito del ricco programma promosso e coordinato dall’Università “Gabriele D’Annunzio”. Una manifestazione che dal 2005 vuole avvicinare il pubblico alle tematiche scientifiche con eventi che quest’anno in Italia sono 34 e 200 in Europa.

Nell’ambientazione di Palazzo De Majo, ad iniziare dalle 16,30, lo staff della Biblioteca proporrà per l’intera serata un percorso dedicato ai bambini e alle famiglie dal titolo “Faccio una Cosa Bella o un Gran Pasticcio? Arte e Scienza: le basi comuni della creatività”, proposte di lettura ad alta voce di albi illustrati, narrazioni e prime divulgazioni scientifiche che si combinano e scombinano pagina dopo pagina favorendo, tramite la qualità delle immagini e dei testi, l’incontro delle arti con la fisica, la chimica, la biologia. Le letture verranno accompagnate da laboratori e giochi scientifici a tema. «Un evento di livello europeo – dichiara il Sindaco Leo Castiglione – nel quale la partecipazione dei nostri servizi culturali indica la qualità raggiunta in questi anni, ed un riconoscimento scientifico per la nostra città».

L’iniziativa è collocata all’interno di una specifica sezione per l’infanzia voluta dall’Università con il coordinamento della professoressa Ilaria Filograsso, e presenterà il ricco portfolio di esperienza dei servizi culturali per bambini e bambine che ormai da anni la biblioteca promuove ad iniziare dal CIPI’ (progetto locale Nati per Leggere), ai servizi di lettura fino a 13 anni, alla cultura per la cittadinanza scientifica. «I servizi di qualità della nostra biblioteca comunale – sottolinea il vicesindaco Vincenzo Polidori – verranno anche quest’anno messi a disposizione dall’amministrazione per i cittadini ed in particolare per le scuole, nell’ambito di numerosi progetti che coinvolgono gli Istituti comprensivi e gli Istituti di istruzione superiori ortonesi».

La Notte europea dei ricercatori nasce per iniziativa dalla Commissione europea, allo scopo di avvicinare il pubblico alle tematiche scientifiche e alle loro ricadute nella vita quotidiana. Ogni anno, l’ultimo venerdì di settembre, i ricercatori incontrano i cittadini di tutte le età mostrando i contenuti e i metodi, la fatica e la passione dell’universo della ricerca scientifica, e condividendo attivamente il piacere dell’esperimento e la sorpresa della scoperta.

Le iniziative sono consultabili sul sito: https://nottedellaricerca.unich.it/event 

Related posts

Sulla scia del successo, il Circo Lidia Togni a Comiso-Vittoria

admin

Fina (Pd): “L’assessore Verì e la Regione non minimizzino, serve cabina di regia contro la pandemia”. Oggi Assemblea dove si discute di programma e squadra

redazione

Fossacesia, entra nel vivo Bellestate

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy