Cultura e eventi

Caso Ball, Marcozzi al fianco dei lavoratori

Chieti. “Siamo al fianco dei lavoratori della Ball. Quello che stanno passando in questi giorni è assolutamente inaccettabile e dobbiamo contrastare con ogni mezzo questa delocalizzazione”. Ad affermarlo è il consigliere regionale e candidato alla presidenza dell’Abruzzo alle elezioni del 10 febbraio col Movimento 5 Stelle Sara Marcozzi, presente questa mattina nella Sala Consiliare della Provincia di Chieti in occasione di un’Assemblea pubblica sulla chiusura, nel giorno di Natale, dello stabilimento della Ball Beverage Packaging a San Martino sulla Marrucina.

“Il Movimento 5 Stelle – commenta Marcozzi – si muoverà sia a livello nazionale che a livello regionale per portare un aiuto concreto ai 70 lavoratori che rischiano di perdere il posto di lavoro. Alle loro spalle ci sono famiglie che rischiano di essere messe a serio rischio da una mossa incomprensibile di questa multinazionale. Sono arrivati sul nostro territorio, hanno sfruttato i lavoratori e le lavoratrici e adesso vogliono andarsene senza una vera motivazione. Per stessa ammissione dei dirigenti della Ball, l’azienda non è in crisi e il settore è stabile. Nonostante questo vogliono delocalizzano all’estero, invitando i lavoratori a trasferirsi in giro per l’Europa trattandoli come degli oggetti. Tutto questo è inaccettabile e mi auguro che anche il Parlamento Europeo faccia la sua parte lavorando in favore di questa parte di Abruzzo”.

“Il governo – prosegue – si sta muovendo nella direzione giusta mostrando la forza necessaria per rappresentare al meglio le sacrosante richieste dei lavoratori. Sono state fatte proposte di ogni tipo, dalla Cassa integrazione a un piano per una reindustrializzazione. La Ball ha prima dichiarato di valutare le opzioni, salvo poi optare nuovamente per la chiusura nel giro di poche ore, prendendo in giro i dipendenti e, soprattutto, le loro famiglie”.

“Ciò che posso garantire agli abruzzesi è che noi non ci arrenderemo. Siamo a pronti a battere i pugni sul tavolo e a portare avanti le nostre ragioni. Sappiamo di essere dalla parte del giusto e vogliamo dare il nostro supporto in ogni modo possibile. Vedere un’azienda americana mandare a casa 70 persone, senza un vero motivo, proprio nel giorno di Natale, rappresenterebbe un torto indelebile non solo a San Martino sulla Marrucina, ma all’Abruzzo intero”.

Related posts

Le considerazioni di Daniela Aiuto riguardo al sistema trasporti italiano

admin

Cupello, presentato ordine del giorno per dire no alla proposta della quarta vasca a Valle Cena

admin

ADRICESTA presenta: “Arrediamo la Chirurgia Pediatrica d’Abruzzo”

admin

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy