Politica

Abbateggio: quinta campagna di scavi archeologici a Valle Giumentina nel Parco nazionale della Majella

Abbateggio. Nella valle Giumentina, nel territorio del Comune di Abbateggio, l’Ecole
Francaise de Rome e il CNRS di Francia (Centre national de la Recherche
scientifique), stanno svolgendo in queste settimane la quinta campagna di
scavo archeologico sugli insediamenti preistorici stratificati della valle
per ricostruire la preistoria dell’Uomo in Abruzzo, regione ricca di
testimonianze del Paleolitico.
Questa mattina, nella sala Figlia di Jorio della Provincia, si è svolta una
conferenza stampa di presentazione dei primi risultati della campagna di
scavi, alla presenza di Elisa Nicoud del CNRS, dei giovani archeologi
provenienti da varie Università italiane, che partecipano agli scavi, e del
Presidente della Provincia Antonio Di Marco.
Le ricerche stanno dando risultati straordinari, tanto che il Governo
francese ha finanziato un altro triennio di scavi, con un gruppo nutrito di
archeologici guidati dagli specialisti del Paleolitico Elisa Nicoud, Daniele
Aureli (Università di Siena-Parigi), Marina Pagli (Università di Parigi).
Fino al 5 Luglio 2016, una squadra di ricercatori e studenti di archeologia
di diverse Università europee stanno lavorando nell’area a ritmi serrati.
Domenica 3 luglio, l’area degli scavi sarà aperta al pubblico, con visite
guidate e spiegazioni a cura della stessa equipe di ricerca, che
spiegheranno a turisti, appassionati, cittadini, le scoperte fatte in questa
zona, che fanno risalire la conoscenza della storia della valle fino a
600.000 anni fa.
La visita può essere fatta a qualsiasi ora della giorno, dalle 9 del mattino
alle 9 di sera.

Il progetto pluridisciplinare di scavi e studi della valle Giumentina è
finalizzato a ricostruire i modi di vita dei gruppi umani preneandertaliani
che hanno occupato quella zona tra 600.000 e 300.000 anni fa. Un’attenzione
particolare è dedicata alla comprensione dell’interazione tra l’Uomo,
l’ambiente e il clima che circondava gli umani.

La Valle Giumentina, esplorata negli anni ’50 dal Professore Antonio Mario
Radmilli e dal geologo Jean Demangeot, è diventato in poco tempo un
sito-chiave della Preistoria e del Quaternario italiano ed europeo per la
definizione delle culture preistoriche nella penisola italiana e nel bacino
mediterraneo.
Si tratta di una valle occupata da un lago ora scomparso, le cui sponde
erano frequentate dai gruppi umani per svolgere attività di caccia e di
scheggiatura della pietra. I sedimenti contengono tra l’altro pollini,
molluschi e altri organismi che testimoniano le variazioni del clima nel
tempo. Cosi, diversi specialisti del Quaternario, preistorici, geologi,
paleobotanici, paleontologi, geofisici e specialisti delle datazioni
radiometriche provenienti da molteplici istituzioni italiane e francesi
collaborano in questa ricerca, per valorizzare sia i dati archeologici che
paleoambientali della Valle Giumentina. Due cicli glaciali-interglaciali
(periodi freddi-caldi) sono stati riconosciuti grazie alle analisi. Le
datazioni realizzate su le ceneri cadute nell’antico lago di Valle
Giumentina fanno risalire quindi il sito al Pleistocene medio.

In questa campagna è stata aperta un’area di scavo di 50 m² in cui gli
archeologi stanno documentando i livelli d’occupazione antichi 456 000 anni,
documentati da strumenti di selce tra cui, quest’anno, un bifacciale
(amigdala), strumento-emblema del Paleolitico inferiore.

Nel 2015 e 2016, i risultati già ottenuti sono stati presentati in convegni
internazionali in Italia, Francia, Spagna e in diversi pubblicazioni
scientifiche in lingua italiana, francese o inglese. L’importanza del sito
per la conoscenza del clima e degli uomini della Preistoria è ormai ben noto
nella comunità scientifica mondiale.

Il progetto è stato rinnovato dall’Ecole française de Rome e proseguirà fino
al 2018 con due mesi di campagna di scavo all’anno, con l’augurio di
aggiungere nuove e sostanziali informazioni alla storia del popolamento
abruzzese.

Il progetto di ricerca è diretto dall’Ecole française de Rome, in
collaborazione con la Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Abruzzo
(Dott. Silvano Agostini), con il sostegno del Parco Nazionale della Majella,
del Comune di Abbateggio (Sindaco Antonio Di Marco), della Fondazione
Pescarabruzzo, dell’Archeoclub d’Italia sezione di Pescara, del Museo delle
Genti d’Abruzzo e del CNRS. La collaborazione scientifica unisce le
Università di Siena, Pisa (Prof. Giovanni Boschian), Firenze (Prof. Paolo
Mazza), Parigi 1 Panthéon-Sorbonne (Dott.ssa Valentina Villa), Parigi-Ouest
Nanterre la Défense, Bordeaux 3 (Prof.ssa Christelle Lahaye), il CNRS
francese (Dott. Catherine Kuzucuoglu, Jean-Philippe Degeai, Clément Virmeux,
Vincent Robert, Norbert Mercier, Marion Hernandez), Il Commisariat à
l’énergie atomique (Sébastien Nomade, Alison Pereira), l’Institut national
de recherches archéologiques préventives francese (Dott. Christine Chaussé),
i laboratori UMR 7264 Nizza, UMR 7041 ArScan-AnTET, UMR 8591 LGP, UMR 5060
IRAMAT CRP2A, UMR 5140 ASM e il palinologo pescarese Fabio Fusco

Related posts

Pescara, anteprima della mostra “Metafisica, L’io nello spazio”

admin

Marcozzi: “Da Quaresimale le dimissioni più brevi della storia dell’Abruzzo”

redazione

Italia Nostra di Pescara sul progetto di sistemazione delle aree di risulta dell’ex stazione ferroviaria

redazione

Lascia un Commento

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. OK Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy